PASTA A FROCIA…….


Questo piatto mi fa sempre tornare bambina, e da quando anche io sono mamma, lo preparo anche al mio piccolo Andrea…

Non so se in tutta la Sicilia si usa, ma in casa mia si usava molto spesso….
Spesso quando restava la pasta con il sugo a pranzo, mi sentivo dire: “Stasira ta fazzo a frocia”
intendendo che la sera veniva ripassata in padella…. ma!!!!!
In poche parole non so il vero significato della parola “a Frocia”.
So solo che la pasta la sera era sempre più buona e allora “Stasira pasta a frocia”
 
Ingredienti:
Pasta con sugo di pomodoro (quella che rimane del pranzo)
2 formaggini
pangrattato
2 cucchiai di latte
formaggio grattugiato
olio evo
 
Preparazione:
Prendere una padella della dimensione adatta alla quantità della pasta ( deve venire tipo una frittata che bisognerà girare)
Passare un filo d’olio nella padella e impanarla con il pangrattato, mettere la pasta, il formaggino e il formaggio grattugiato, e un goccio di latte.
Versare sopra altro pangrattato chiudere con coperchio, meglio se schiacciate un po’ per far aderire meglio la pasta.
Cuocere fino a far colorare per bene il pangrattato e girare, continuare a cuocere anche dall’altro lato e la pasta è pronta.
 
Facile, veloce e soprattutto della serie….. NON SI BUTTA VIA NIENTE
un bacione a tutti

 

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

Pubblicato da cucinareinsiemeate

Semplicemente ho dovuto imparare per spirito di sopravvivenza, e da cosa nasce cosa eccomi qui, speriamo bene!!!!!!

2 Risposte a “PASTA A FROCIA…….”

  1. Cara Katia, conosco questo modo di cucinare la pasta avanzata….. qui nella zona del ragusano (in cui risiedo da tre anni) viene detta ‘pasta fritta’ e si realizza appunto con la pasta avanzata, in genere quella con la salsa……si condisce con abbondante formaggio grattugiato (che ha lo scopo di insaporire e di creare la crosticina) e si cuoce in padella con dell’olio extravergine d’oliva da ambo le parti. Io la trovo squisita, mio padre (che è originario di queste parti) mi racconta che da bambino ne era ghiotto e la lasciava apposta nel piatto a pranzo in modo che così sua zia gliela preparava ‘fritta’ a cena:)
    buonissima la tua versione, la devo assolutamente provare!!! Grazie per aver condiviso questa gustosissima ricetta!!!:)
    un bacione!!!:)
    Rosy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.