CUCINARE INSIEME A TE

SCUOLA DI CUCINA

SBURLON LIQUORE DI MELE COTOGNE

SBURLON LIQUORE DI MELE COTOGNE

Vivo in campagna, e nella mia zona gli alberi di mele cotogne non mancano. Ci sono annate molto scarse, ma quando invece c’è l’abbondanza, come quest’anno, non sai mai come poterle trasformare.

Il liquore sburlòn è davvero semplice da fare, bastano pochi passi per ottenere un liquore di mele cotogne profumato e dal sapore deciso.

Lo sburlon è ottimo come digestivo a fine pasto, ma anche un sorso davanti il caminetto, prima di andare a dormire non è affatto una cattiva idea.

Sburlòn liquore di mele cotogne (altro…)

BIGNE’ RICETTA FACILE E VELOCE

BIGNE’ RICETTA FACILE E VELOCE

La pasta choux, è un impasto base della pasticceria italiana, ottima nei dolci e anche nel salato, avete mai provato i i bignè con la mousse al tonno?

Con la ricetta dei bignè potrete fare tantissimi dolci, uno dei tanti è il classico profitterol. Seguite questi semplici consigli per preparare una montagna di bignè.

BIGNE' RICETTA FACILE E VELOCE

(altro…)

CREMA PASTICCERA FACILISSIMA, LISCIA E SODA

CREMA PASTICCERA FACILISSIMA, LISCIA E SODA

Anche a voi sarà capitato che la crema non sia abbastanza soda, che torni liquida dopo la cottura, che non regga e inizi a colare da tutti i lati, insomma un vero flop.

Dopo tantissimi tentativi per aggiustare il tiro, ho trovato la soluzione a tutti i mali, una CREMA PASTICCERA FACILISSIMA, LISCIA E SODA, a prova di bambino, basta seguire i prossimi consigli e la crema pasticcera non sarà più un problema, anzi vi stupirete della consistenza e della bontà.

(altro…)

COME CONSERVARE IL PREZZEMOLO FRESCO

COME CONSERVARE IL PREZZEMOLO FRESCO

Nel periodo primavera-estate, il mio orto, mi regala generosamente tanto, tantissimo prezzemolo, cosa che però nel resto dell’anno scarseggia, o meglio svanisce ai primi freddi. Per poterlo utilizzare anche in inverno, lo conservo semplicemente congelandolo, seguite i miei consigli per avere del prezzemolo fresco tutto l’anno.

COME CONSERVARE IL PREZZEMOLO FRESCO (altro…)

SUCCO DI FRUTTA FATTO IN CASA

SUCCO DI FRUTTA FATTO IN CASA

Una delle conserve più semplici e gustose che si possa fare. Una volta provato il SUCCO DI FRUTTA FATTO IN CASA, non riuscirai più a farne a meno. Andrea, il mio cucciolo di 6 anni, ama tantissimo i succhi di frutta, e da quando li faccio io, sono molto più tranquilla, e sicura di cosa sta bevendo. aumento o diminuisco la dose di acqua e zucchero, in base alla consistenza e dolcezza della frutta, io scelgo sempre frutta molto matura, per non aggiungere tanto zucchero in più. Fare il SUCCO DI FRUTTA FATTO IN CASA è facile ed economico, gustoso e genuino, basta saper scegliere frutta di ottima qualità e ben matura.SUCCO DI FRUTTA FATTO IN CASA (altro…)

PESCHE SCIROPPATE FATTE IN CASA

PESCHE SCIROPPATE FATTE IN CASA

Ci sono cose che non avrei mai pensato di fare, perchè a volte sembrano più difficili di quello che sono, per esempio non avrei mai pensato di farmi un orto, eppure lo curiamo da quasi 7 anni, e seppur torniamo in casa sudati, sporchi e “puzzolenti” come dice sempre il mio piccolo Andrea, siamo contenti di quello che facciamo. Non avrei mai pensato di autoprodurre il 70% della mia spesa giornaliera, dalla passata di pomodoro al pane, dalla pasta fresca ai succhi di frutta, eppure adesso, non riesco più a pensare di poterne fare a meno. Un lato negativo c’è, forse anche più di uno, il tempo libero, per esempio, il nostro è quasi un lavoro, il gusto che via via va cambiando, e ti assicuro che non è bello, andare in casa della gente e non riuscire a mangiare quasi più nulla, poi però mi fermo, ci penso, e chissenefrega, a me piace farlo, e sono sicura di non fare una cosa sbagliata.

Puoi provarci anche tu a preparare qualche conserva fatta da te, come le PESCHE SCIROPPATE FATTE IN CASA , mangiale a distanza di un paio di mesi da quando le prepari, e vedrai che non guarderai più le pesche in barattolo del supermercato.

PESCHE SCIROPPATE FATTE IN CASA (altro…)

FESA DI TACCHINO FARCITA AL CARTOCCIO

FESA DI TACCHINO FARCITA AL CARTOCCIO

La fesa di Tacchino è un pezzo di carne che non sempre si riesce a cucinare al meglio. Spesse volte mi sono fermata a comprarla proprio per evitare delle “brutte figure” a tavola. La carne è compatta e se non cotta bene, la fesa di tacchino, potrebbe risultare asciutta e poco succosa.

Per facilitarmi nella cottura ho cercato idee e suggerimenti in giro per il web, e ho trovato tantissime idee su come cucinare la fesa di tacchino

Amo cucinare qualsiasi cosa, soprattutto amo variare tutti i giorni, ed è davvero difficile trovare diverse soluzioni, specialmente quando ci si trova davanti ad un bel pezzo di fesa di tacchino.

FESA DI TACCHINO FARCITA AL CARTOCCIO (altro…)

FILETTO DI MAIALE COTTO IN TERRACOTTA

FILETTO DI MAIALE COTTO IN TERRACOTTA

Una ricetta semplicissima, di quelle “metti in pentola e lascia cuocere”. Nella preparazione impiegheremo pochissimo, e lo possiamo cuocere in qualsiasi momento, dopo basterà una leggera riscaldata.

FILETTO DI MAIALE COTTO IN TERRACOTTA

(altro…)

PAN BAULETTO DI FARRO SPELTA CON WATER ROUX

PAN BAULETTO DI FARRO SPELTA CON WATER ROUX, un impasto molto semplice, ma con una “marcia in più”, dovuta proprio all’uso del Water Roux.

Con questa tecnica si cerca di rendere più soffice il risultato finale e si mantiene anche per più tempo.

PAN BAULETTO DI FARRO SPELTA CON WATER ROUX

(altro…)

RICETTA AROMA NATURALE, ESTRATTO DI CAFFE’

ESTRATTO DI CAFFE’, dopo aver fatto e usato per anni il mio estratto di vaniglia, ho pensato di provarlo anche con altri aromi. L’idea è nata dopo aver visto uno dei tantissimi video di Fatto in casa da Benedetta, e così ho provato a dare delle dosi e concentrazioni più sostenute, per poter aromatizzare i nostri dolci, usando pochissimo liquido.

RICETTA AROMA NATURALE, ESTRATTO DI CAFFE'

(altro…)

STRASCINATE A MODO MIO, PASTA FRESCA

STRASCINATE A MODO MIO, PASTA FRESCASTRASCINATE A MODO MIO, PASTA FRESCA

I baresi sanno il fatto loro, io ci provo e riprovo, e guarda sto video, e guarda quest’altro, alla fine sono arrivata ad un risultato discreto.

La pasta fresca mi piace molto, ma il tempo per farla è davvero poco, provando a fare le classiche orecchiette, ho notato che di tempo ne perdevo davvero tanto, e alla fine ho trovato un modo per velocizzare la preparazione delle Strascinate alla Barese. (altro…)

ESTRATTO DI VANIGLIA

ESTRATTO DI VANIGLIAestratto di vaniglia

Da tantissimo tempo dovevo condividere quest’idea con voi, lo faccio da tanto tempo e ne ho provate diverse varianti, questa però è quella che più mi piace, e come al solito, mi fermo qui e la passo anche a voi. (altro…)

COME PULIRE I CARCIOFI

COME PULIRE I CARCIOFI

A volte si danno per scontate certe fasi della cucina, invece vi garantisco che personalmente, 15 anni fa non sapevo come si pulisse un carciofo. E per voi cerco di spiegarlo a parole mie e con foto passo passo. Buona Lettura (altro…)

PANE VELOCE SENZA IMPASTO

PANE VELOCE SENZA IMPASTO

PANE VELOCE SENZA IMPASTO

Per fare il pane in casa occorre tempo e pazienza, ci sono varie tecniche, una per ogni tipo di risultato che vogliamo ottenere. Gli impasti sono uno diverso dall’altro, i tempi e le lavorazioni, lo stesso, ma la voglia di fare non ci manca, giusto?

Ho voluto trovare un metodo molto semplice e veloce, proprio per un pane casereccio, per chi spesso non ha tempo, e in più non bisogna essere precisi nei tempi, basta una ciotola, un cucchiaio e circa 15 minuti del nostro tempo in tutto.

Certamente non è la pagnottona, ben curata, liscia liscia, e perfetta, ma è un buon pane, e ho anche provato varie farine con lo stesso metodo, basta diminuire o aumentare l’acqua e il pane viene benissimo. Ottimo per la settimana, e magari ci riserviamo i vari impasti studiati e tecnici per la domenica. Fossi in te lo proverei subito. (altro…)

FRISELLE CON FARINA DI FARRO INTEGRALE

FRISELLE CON FARINA DI FARRO INTEGRALE

FRISELLE CON FARINA DI FARRO INTEGRALE

FRISELLE CON FARINA DI FARRO INTEGRALE

Le Friselle, tipiche della cucina Pugliese, non sono altro che ciambelline di pane, fatte essiccare in forno. Sono molto usate in estate con un filo d’olio evo e pomodorini appena raccolti. Io le condisco in tantissimi modi, con verdure e tonno diventano un piatto unico per una cena fredda con gli amici. (altro…)

LUMACHE ALLA PIZZAIOLA

LUMACHE ALLA PIZZAIOLA

LUMACHE ALLA PIZZAIOLA

Durante l’estate mi diverto a raccogliere le lumache nel mo orticello, le trovo attaccate all’erba secca, e quando le trovo belle cicciotte le raccolgo e me ne faccio una bella scorpacciata. Quest’anno le ho raccolte per ben tre volte, mi diverto e faccio divertire anche il mio piccolino, che ha scoperto anche dei sapori nuovi. (altro…)

BUCCIA DI ARANCIA CANDITA CON METODO CLASSICO

BUCCIA DI ARANCIA CANDITA CON METODO CLASSICOBUCCIA DI ARANCIA CANDITA CON METODO CLASSICO

Da tanto tempo provo e riprovo varie “ricette-tecniche” per fare in casa le scorzette d’arancia candite. Dopo averne lette e fatte di ogni, sono arrivata ad una conclusione, che le tecniche poco conosciute e a volte più complesse sono però le migliori.  Per preparare la BUCCIA DI ARANCIA CANDITA CON METODO CLASSICO ci serviranno davvero pochissimi ingredienti ma di qualità indiscussa, perchè il fatto in casa deve essere il migliore in assoluto, altrimenti è solo tempo sprecato. (altro…)

PASTA MATTA DI ARTUSI

PASTA MATTA DI ARTUSI

PASTA MATTA DI ARTUSI

Da poco ho comprato una raccolta di ricette del grande amante della cucina Italiana Pellegrino Artusi, e una delle ricette che ho subito adottato è proprio la pasta matta. (altro…)

BRODO DI CARNE MISTA CON VERDURE

BRODO DI CARNE MISTA CON VERDURE

BRODO DI CARNE MISTA CON VERDURE

In questo periodo un bel brodo di pollo è l’ideale, io lo faccio spesso, e se non ho la classica gallina vecchia, uso le carcasse del pollo e del maiale.

La tecnica è sempre la stessa, indipendentemente dal tipo di carne, o carcasse. Non si butta via niente, io metto in freezer e quando ne ho una quantità sufficiente ne faccio un buon e salutare BRODO DI CARNE MISTA CON VERDURE. (altro…)

BRIOCHE DI FARRO SPELTA CON IMPASTO DA ROSTICCERIA

brioche di farro 3

BRIOCHE DI FARRO SPELTA CON IMPASTO DA ROSTICCERIA

Da un po’ di tempo le provavo, ma il risultato non era il massimo per me, cercavo un prodotto soffice soffice, come le classiche brioche siciliane, ma l’uso della farina di farro nei lievitati non è semplicissimo. Basta però un po’ di buona volontà e prova e riprova, aggiungi e togli (più aggiungi che togli) sono riuscita ad ottenere un prodotto “di più” si proprio come gli spaghetti Barilla.

Da un annetto ho dovuto eliminare il grano nella mia cucina, come ormai ben sapete, e quindi l’uso degli altri cereali, tra cui il farro è ormai diventata una dolce sfida.

L’uso della farina di farro non è difficile, bastano piccoli accorgimenti, uno importante è l’aumento dell’idratazione, in generale assorbe una percentuale maggiore di liquidi, quindi se volete sostituire il grano con il farro in una ricetta, dovrete di sicuro aggiungere una piccola quantità di liquidi.

Il farro si divide in tre qualità: monococcum, dicoccum e spelta, il più comune, quello che chiamano “bianco” è proprio lo Spelta, ottimo infatti per i lievitati dolci e i dolci in generale, insieme al monococcum, mentre il dicoccum essendo un po’ più duro, se usato in mix con le altre qualità è ottimo per pane e focacce, è infatti molto più simile al grano duro.

Negli impasti con lunghe lievitazioni, come in questo caso, o per pizze, pane o grandi lievitati (si perchè si può fare tranquillamente anche il panettone) occorrerà però cercare di aumentare la forza della farina, infatti il farro come la maggior parte degli altri cereali, è alquanto debole di forza (i famosi w che ormai troviamo scritti nei pacchi di farine speciali tipo per pizza o altro). Non sono una persona specializzata, ma informandomi nei vari siti ho studiato che una delle caratteristiche che dà forza alle farine è la quantità di proteine, e girando un po’ qua e un po’ là nel web, ho scoperto che la farina di lupini, è ricchissima di proteine, e spesso viene consigliata proprio per aumentare la forza nelle farine deboli.

Se ne dovrà usare in piccolissime proporzioni (dall’ 1 al 3 % del totale della farina), capisco che è difficile da trovare nelle varie botteghe locali, ma vi garantisco che on-line la trovate facilmente, alcuni amici mi hanno riferito che si trova anche nei negozi Natura-si. Io personalmente l’ho presa on-line sul sito di Tibiona dove tra l’altro ho trovato tutte queste importanti info (non costa tanto, e se ne usa davvero poco considerate che un chilo di farina di lipini vi basterà per non meno di 70 kili di farina (considerando che l’impasto totale sarà cmq molto superiore). In sintesi io lo uso da 6 mesi e sono a metà della confezione (e io di impasti ne faccio parecchio), non è una promozione, anzi, ma come per i prodotti senza glutine, bisognerà aiutarsi con piccoli ingredienti “magici”, nel nostro caso sarà la farina di lupini, nel caso dei senza glutine so che il prodotto magico è lo Xantano e il guar.

Dopo questa piccola premessa informativa, sperando di esservi stata utile, passo subito alla ricetta specifica.

La differenza sostanziale tra la ricetta originale (che trovate qui) e quella delle BRIOCHE DI FARRO SPELTA CON IMPASTO DA ROSTICCERIA, è che ho aggiunto una quantità non indifferente di latte e una piccola parte di latte in polvere (che in questi casi vi consiglio cmq di usare, ci darà un pochino di morbidezza in più, cosa che con queste farine spesso scarseggia). (altro…)