POLPO ALLA PIGNATA RICETTA PUGLIESE

POLPO ALLA PIGNATA RICETTA PUGLIESE
POLPO ALLA PIGNATA RICETTA PUGLIESE

Un piatto che non faccio spesso, ma che ci piace moltissimo. Il polpo cotto in questo modo, risulterà tenerissimo e le patate si scioglieranno in bocca. Un insieme di sapori che rendono unico questo piatto della tradizione pugliese.

POLPO ALLA PIGNATA RICETTA PUGLIESE

Ingredienti per 4 persone:

  • 1 kg di Polpi tagliati a tocchetti (vi consiglio di utilizzare del polpo precedentemente congelato, per un risultato migliore)
  • 1 kg di patate tagliate a spicchi non troppo piccoli
  • 500 gr di passata di pomodoro o pomodori pelati
  • una cipolla tritata
  • uno spicchio d’aglio tritato
  • prezzemolo qb
  • un bicchiere di vino bianco
  • 2 cucchiai di olio evo
  • casseruola capiente in terracotta

POLPO ALLA PIGNATA RICETTA PUGLIESE, passo passo

POLPO ALLA PIGNATA RICETTA PUGLIESE

Per cucinare il polpo alla pignata, è indispensabile usare una casseruola in terracotta. La terracotta è comunque ottima per cucinare qualsiasi cosa, ma per sughi, e carne o pesce in umido, a mio parere, è fantastica.

Sono prodotti che non costano tantissimo e che sono sicura non ne farete più a meno, proprio come me.

Nella casseruola in terracotta, rosolate il polpo con l’olio, abbassate la fiamma al minimo e chiudete con coperchio. Il polpo dovrà cuocere con la sua stessa acqua.

Fate cuocere per 30 minuti circa, il polpo e la sua acqua diventeranno rosa scuro.

Aggiungere a questo punto tutto il resto degli ingredienti, senza mai salare, fate cuocere per altri 30 minuti, infilzate con la forchetta una patata, e se è facile da attraversare sarà pronto.

Servite con una fetta di pane fatto in casa (qui la mia ricetta)

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

Pubblicato da cucinareinsiemeate

Semplicemente ho dovuto imparare per spirito di sopravvivenza, e da cosa nasce cosa eccomi qui, speriamo bene!!!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.