MALLOREDDUS ALLO ZAFFERANO CON COZZE E FAGIOLI PUGLIESI

0695

Mi piacciono molto i piatti tradizionali e sto cercando di portarli nel mio blog per non essere dimenticati, spero solo di farvi cosa gradita, anche se non sono raccontati dai nostri vecchi, ma trovati per il web, spero solo che in alcune parti, le mie ricette, rispecchino la tradizione. Certo metto anche del mio, è normale, mai replicare e basta, meglio migliorare anche a proprio gusto e piacere. In questo caso ho cercato di unire due delle più belle regioni Italiane, Sardegna e Puglia, che ho particolarmente al cuore, essendo la regione che mi ospita con tanto piacere. MALLOREDDUS ALLO ZAFFERANO CON COZZE E FAGIOLI PUGLIESI, quando per caso ho trovato questo accostamento (cozze e fagioli) non mi sono subito entusiasmata, a volte si rimane un pò sbalorditi dopo l’assaggio di alcuni piatti. Questo per me è stato un amore a primo assaggio, come dire, se mi fossi fermata al solo pensiero, non lo avrei pagato manco 5 centesimi al ristorante, ma mi sono ricreduta immediatamente, già in fase di preparazione. Bisogna non fermarsi alle apparenze, anzi, provate provate provate.

MALLOREDDUS ALLO ZAFFERANO CON COZZE E FAGIOLI PUGLIESI
 
Ingredienti per 4 persone:IMG_2949
100 gr di fagioli paesani Bianchi (regione Puglia)
se non li trovate andranno bene i cannellini ma non fateli cuocere tanto devono essere abbastanza sodi.
100 gr di cozze pulite (private del guscio e possibilmente aperte a mano)
1 spicchio di aglio
peperoncino in base ai vostri gusti
Olio extra vergine di oliva 2 cucchiai abbondanti
prezzemolo e sale qb5
Vi consiglio solo una cosa in genere io cuocio i fagioli in quantità superiori, le tengo in frigo e li uso per le ricette, durante la settimana, insalate, primi piatti, o conditi con un semplice filo di olio evo, eviterete di dover stare 2 o 3 ore a cuocerli per ogni preparazione che li richiede, e poi fanno tanto bene e sono anche buoni.
Per cuocere i fagioli bisognerà metterli a bagno il giorno prima (solo acqua fresca, mai usare sale o bicarbonato, perchè in cottura la buccia si staccherà e i fagioli diventeranno una pappetta)
Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra emailVi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

Ho impiegato un pò di tempo per capire bene la cottura dei fagioli, e ho capito che meno si fa meglio è (consiglio generico) Per una buona riuscita basta metterli almeno 18 ore prima a bagno con sola acqua fresca Nè calda, nè tiepida) e magari cambiare l’acqua anche due volte nell’attesa.
Il giorno seguente basta metterli in una pentola (pignata) di terracotta, stretta e alta adatta per la cottura dei legumi, che potete acquistate sul sito di FRATELLI COLI’ Srl , con altra acqua fresca e pulita (senza sale o altri condimenti).
Cuocere per i primi 10 minuti i fagioli a fuoco vivace, appena faranno un pò di schiuma in superficie eliminatela (ma se non lo fate non accadrà nulla di particolare) dopo abbassare a minimo la fiamma e cuocere i fagioli fino a cottura desiderata.
In genere occorrono 2 o 3 ore per circa 500 gr di fagioli.
Solo alla fine salare i fagioli e non scolateli subito, altrimenti lo shock termico farà staccare immediatamente la buccia dal legume con un  pessimo risultato, dopo aver faticato tanto per cucinarli. Quindi appena spenti, salare, e lasciarli nella pentola, tirateli fuori solo quando si saranno intiepiditi.

Fotor0102774122

Dopo questa piccola lezione sulla cottura dei legumi possiamo preparare la nostra pasta.
Avendo già i fagioli cotti e le cozze pulite, questo primo piatto è un piatto unico e veloce, quindi nel frattempo potete già iniziare a buttare la pasta allo zafferano
In una padella Rosolare l’aglio e il peperoncino con abbondante Olio extra vergine di oliva.
Aggiungere i fagioli (che abbiamo cotto in precedenza e lasciati al dente) e il loro brodo, e farli scaldare un pò, se avete anche l’acqua delle cozze aggiungetele adesso (ma solo l’acqua non le cozze).
Scolare la pasta molto al dente (circa 5 minuti prima del termine della cottura), aggiungere la pasta ai fagioli e continuare la cottura in padella.
il risultato sarà un piatto cremoso ed invitante solo a guardarlo.
Quando scolate la pasta però tenete da parte un pò d’acqua di cottura, ci servirà per terminare il piatto in padella, quando la pasta è cotta aggiungere le cozze, cuocere un minuto e il piatto è servito.
Buon Pranzo 

Pubblicato da cucinareinsiemeate

Semplicemente ho dovuto imparare per spirito di sopravvivenza, e da cosa nasce cosa eccomi qui, speriamo bene!!!!!!

2 Risposte a “MALLOREDDUS ALLO ZAFFERANO CON COZZE E FAGIOLI PUGLIESI”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.