COTOGNATA DURA IN CUBETTI

La cotognata altro non è che la classica confettura di mele cotogne, ma lasciata asciugare per molto più tempo.

Mio marito la adora e io ogni anno ne faccio sempre un pochino. In questi giorni infatti, sto proprio lavorando le mele cotogne, quest’anno i nostri alberi sono molto abbondanti e quindi procediamo alle conserve.

La COTOGNATA DURA IN CUBETTI, si conserva per molto tempo, è una ricetta antica della tradizione siciliana, e l’essiccazione e la percentuale di zuccheri ci da la possibilità di tenerla in vasi di vetro o latte, per tanto tempo. (io ne ho un pò da due anni ed è perfetta)

Amo le ricette antiche e la cucina della nonna, di loro mi fido sempre! Preparare la cotognata è davvero semplice e facile, segui i miei consigli, o meglio i consigli della nonna :-p

COTOGNATA DURA IN CUBETTI

COTOGNATA DURA IN CUBETTI

Ingredienti per circa mezzo chilo di COTOGNATA DURA:

  • 300 gr di purea di mele cotogne (serviranno circa 500 gr di cotogne crude ben lavate e tagliate a pezzettoni)
  • 250 gr di zucchero semolato
  • succo di mezzo limone
  • a piacimento un pò di cannella in polvere

 

COTOGNATA DURA IN CUBETTI passo passo

Lavate per bene le mele cotogne, tagliatele a pezzettoni con tutta la buccia e non troppo grandi, ponetele in una pentola con acqua fredda. Fate cuocere i pezzetti di mele cotogne fino a renderle morbide, che si possano schiacciare facilmente con una forchetta.

Scolate le mele cotogne cotte e frullatele con un frullatore ad immersione.

Ponete polpa, zucchero e limone (la cannella se piace) in una padella bassa e larga. Iniziate a cuocere la confettura di mele cotogne.

Dovrete girare molto spesso, e far cuocere per almeno un paio d’ore a fuoco molto basso.

Quando la confettura assumerà un colore tendente all’arancione e risulterà ben asciutta e dura, possiamo fermare la cottura.

Stendiamo quindi la cotognata in una teglia rivestita con carta da forno, e inforniamo in forno tiepido alla temperatura massima di 50°, in modalità ventilato.

Lasciamo asciugare la cotognata dura per altre due ore circa. Fate attenzione però a non farla scurire troppo, in caso abbassate un pò la temperatura.

Dopo la prima ora, giriamo, se possibile la cotognata, in modo da farla asciugare meglio. Ponete un foglio di carta forno sulla cotognata, e rigirate, è molto semplice.

Sforniamo quindi la COTOGNATA DURA e tagliamola a cubetti solo quando sarà fredda, con l’aiuto di un coltello a lama lunga e fina.

Conservate la COTOGNATA DURA IN CUBETTI, in contenitori di vetro o di latta, oppure incartateli uno ad uno con pezzetti di carta da forno, e regalateli ai più piccini, invece delle solite caramelle gommose.

PS: Per i più golosi potete ripassarle nello zucchero semolato.

Se vi avanzano mele cotogne, provate a fare lo Sburlòn

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

23 Commenti su COTOGNATA DURA IN CUBETTI

  1. sicuramente di ottimo gusto, ha fatto bene il marito a finirla tutta 🙂 avrà un gusto super delizioso!!! i cuoricini sono fantastici!!!

  2. MI piacciono tantisismo le mele cotogne e questa cotognata che hai preparato è una vera delizia pe il mio palato, complimenti e grazie della bella ricetta, io la preparo ma un pò diversa!

  3. Ah ah, se il marito si è fatto subito fuori i cuoricini qualcosa vorrà dire, e non soltanto perché erano buoni da mangiare… <3

  4. Buona la cotognata, e’ una vita che non la mangio. Da bambina i miei parenti avevano gli alberi di mele cotogne e la facevano spesso. Complimenti, mi hai riportato indietro nel tempo.

  5. Bella Katia, la aspettavo da giorni questa ricetta! 🙂
    Il procedimento è lungo, ma per chi prepara le marmellate è normale routine…
    La tua Cotognata è venuta benissimo, ha un bellissimo colore!
    Una domanda…
    Se la lascio asciugare in una stanza dove c’è sempre molto caldo, calcola che un piumone da letto si asciuga in una nottata, faccio bene o combino un guaio? 🙂

  6. Domanda difficile per te, Katia… 🙂
    Ho degli alberi di mele cotogne in giardino ma, con la mia consueta fretta, non avevo notato che quest’anno non hanno dato frutti, nemmeno uno… 🙁
    Se non riuscissi a trovare delle mele cotogne, con quale altro frutto potrei sostituirle nella tua ricetta?
    Sono una sbadatona, lo so… 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.