014555
Ho assaggiato questo godurioso piatto, quando per la prima volta sono andata in Puglia.
Ero in vacanza e da poco fidanzata con il mio attuale marito, è stato amore a prima vista (con il piatto non con mio marito).
Penso che sia un dei migliori abbinamenti che ci possano essere, quando sentì dire le cozze e le patate, ero scettica, pensavo che non fossero per niente in sintonia, invece meno male che mi sbagliavo.
Che dire anche le siciliane sanno fare il riso con patate e cozze e ve lo dimostro….
 RISO-PATATE-COZZE e niente da dire
Le dosi sono indicative perchè si va molto ad occhi e in base a quante persone
Ingredienti per 4 persone:
1 kilo di cozze
6 tazzine da caffè di riso Qualità Sant’Andrea
3 patate medie
2 cipolle bianche
1 bicchiere di Vino bianco
Brodo vegetale quanto basta (io uso la mia base per soffritto fatta in casa)
Sale e olio extra vergine di oliva qb
 Preparazione:
Pulire per bene il guscio delle cozze, e aprirle a metà, il passo passo è ben visibile nelle foto a seguire.
FotorCreated
Distribuire sul fondo della teglia preferibilmente
tutte le cozze aperte, versare sopra il riso, poi le cipolle a fettine e infine le patate con un po’ d’olio. Se avanzano cozze apritele completamente e mettetele sparse sopra il riso.
Versare il vino e un paio di mestoli di brodo, (io uso la mia base per soffritto e acqua) il liquido deve coprire il riso mentre le cipolle e le patate devono stare fuori dal brodo,
Salare solo gli strati di cipolla e patate se si usa il brodo già salato.
Infornare a 170°-190° fino a cottura del riso, circa 20 minuti….
Buon appetito…. si consiglia di aspettare una decina di minuti prima di servire….

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

4 Commenti su RISO-PATATE-COZZE e niente da dire

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.