SCARCELLA PUGLIESE

SCARCELLA PUGLIESE

Mai fatta prima d’ora, e sinceramente mai assaggiata, (ah, sto scrivendo mentre l’assaggio :-P), la SCARCELLA PUGLIESE, è un dolce tipico Pasquale, non oso però dire che è solo Pugliese, perchè in tantissime parti d’Italia viene spesso fatto, chiamato con tantissimi nomi diversi, persino in Sicilia prende il nome di Cuddura cull’ova, cambiano in genere la presenza di uno o l’altro grasso (olio-burro o strutto), ma il risultato è una frolla leggera, con aggiunta di latte e lievito o ammoniaca per dolci. Un dolce semplicissimo, che risale a tantissimi anni fa, non conosco le vere tradizioni, ma a detta delle persone vicine a me, veniva messo un uovo per bambino presente in famiglia. Ovviamente, sono dolci della cucina povera, e io li apprezzo per quello che sono, dolci semplici e di grande gusto, ottimo accompagnato da un buon vino bianco (secco o dolce, a vostro piacere) o da un passito o zibibbo (secondo me, la morte sua)

SCARCELLA PUGLIESE

SCARCELLA PUGLIESE

Ingredienti per 4 scarcelle medie:

  • 700 gr di farina di farro spelta
  • 300 gr di farina di riso
  • (potete sostituire tranquillamente le due farine con farina 0, oppure 00)
  • 200 gr di zucchero semolato
  • 200 ml di olio evo
  • 200/250 ml di latte intero (il peso varia in base alle farine usate, nel mio mix ne ho usati 230 ml, ma la farina di farro e di riso, cambia grana da marca a marca, quindi regolatevi bene, il risultato sarà una pasta frolla non troppo morbida)
  • 120 gr di uova intere
  • buccia di un limone grattugiato
  • una bustina di lievito per dolci (qualsiasi sia la marca)
  • pz di sale
  • granella e zuccherini a piacere
  • ovetti di cioccolato per i nostri bambini
  • uova crude, ben pulite

SCARCELLA PUGLIESE

Il procedimento è molto semplice, mettiamo la farina in una ciotola, versiamo le uova, l’olio e una parte di latte, iniziamo ad impastare, aggiungiamo il lievito, il sale e il limone, e regoliamo la consistenza con il resto del latte.

Adesso potete usare subito la frolla, ma nel mio caso, non avendo tempo, ho avvolto tutto in pellicola e messo in frigo fino al giorno dopo. Poi ho diviso in tanti pezzi di uguale misura, (in base alle dimensioni che volete ottenere), e allungato i cordoncini. Adesso prendetene tre alla volta, fate una treccia semplice e chiudete a cerchio. Nella chiusura pennellate con acqua e poggiate bene l’uovo. Fate una croce con dei pezzetti di frolla tenuti a parte, pennellate il tutto con acqua e cospargete di granella di zucchero. Cuocere in forno caldo, ventilato a 170-180° per circa 15-20 minuti (i tempi di cottura sono molto indicativi), la frolla dovrà risultare di un color nocciola. Se vi piace potete decora con della glassa di zucchero e ovetti di cioccolato.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*