CUCINARE INSIEME A TE

CUCINA REGIONALE

PANZEROTTI

Sabato scorso PANZEROTTI con FarinaAntiqua Tipo 1 macinata a pietra
Per l’impasto:
12 kg di farina Tipo 1
300 ml acqua tiepida
10 gr lievito di birra
sale qb
Ripieno:
Prosciutto,
mozzarella,
pomodoro pelato condito con sale e un goccio d’olio.
Impastare il tutto io lo faccio fare alla planetaria, ma anche a mano è uguale, ci si mette un pò più di tempo e fatica……
Far riposare due ore circa e poi fare le palline di circa 80 gr ciascuna.
Lascio riposare una mezz’ora e poi farcisco i panzerotti con il ripieno.
Subito chiusi a panzerotto o calzone e fritti in olio di semi bollente.
Vi consiglio di chiuderli e friggerli subito altrimenti la pasta si può bagnare e uscire il ripieno….
E immaginate la mozzarella nell’olio bollente……
Ecco a voi la bontà in assoluto……

 

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

COTOLETTE DI MELANZANE INFORNATE

Ricettuzza facile e sfiziosa, ottima per qualche serata di finger food…..
Ingredienti:
Melanzane a fette non troppo sottili
prosciutto
sottilette
farina per pastella
pan grattato
formaggio grattugiato
sale
olio evo
Salare le melanzane in superficie e farle scolare per perdere un pò d’acqua.
Preparare una pastella non troppo densa con acqua e farina
E poi semplicemente preparare come i panini….
Fetta di melanzana, prosciutto sottiletta e fetta di melanzana.
Dopo aver preparato tutte le cotolette… passarle nella pastella e poi nel pan grattato mescolato ad un pò di formaggio grattugiato.
Poi a voi la scelta di friggerle o passarle al forno come le mie.
Ho messo un pò d’olio sotto e un pò sopra, a 170° per 20/30 minuti
Appena sono pronte ho messo un pezzetto di sottiletta su ogni cotoletta….
Ottimi e si possono preparare anche prima….
E per finire in bellezza, un dopo pasto veloce, veloce.
Per chi come me non ha mai tanto tempo di preparare dolci ma li ama……
Serata con PIC-NIC di Freddi Dolciaria

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

BISCOTTI DELLA TRADIZIONE

Spero di essere selezionata per il premio
Sono dolci tipici in Puglia ma anche in Sicilia, fatti con pasta di mandorle.
la ricetta della pasta di mandorle è questa:
250 gr di farina di mandorle (mandorle macinata)
200 gr zucchero a velo
50 gr acqua
12 bustina di vanillina
45 gocce di aroma di cannella
in teoria si dovrebbe mettere anche l’aroma di mandorle amare ma a me non piace e non la metto
 
portare quasi ad ebollizione l’acqua con lo zucchero la vanillina e la cannella
quando lo zucchero sta iniziando a fare la schiuma scendere dal fuoco e versarlo subito dentro la farina di mandorle (che avete messo precedentemente in una ciotola capiente) e date una bella girata.
Mettete la pellicola a contatto come si fa per la crema e
aspettate fino a quando il composto si sarà raffreddato e incominciate a lavorarlo con le mani fino a quando non diventerà una pasta liscia facile da modellare e il gioco è fatto.
Questo impasto si può usare anche per ricoprire le torte si può colorare o dipingere come facciamo in sicilia con la frutta martorana e con gli agnelli pasquali.
In questo caso dopo aver preparato la pasta l’ho colorata, fatte le palline e passate nello zucchero semolato.
Inoltre si usano molto anche i biscotti di mandorle.

Per i Biscotti l’impasto naturalmente è diverso:
Ingredienti:
1000 gr di mandorle pelate o farina di mandorle
1000 gr di zucchero semolato
4 albumi montanti (non serve farli a neve
2 fialette di acqua di fiori d’arancio
un po’ d’acqua per raggiungere la giusta consistenza
 
 
Macinare le mandorle con lo zucchero abbastanza fine.
Mettere il tutto nell’impastatrice e aggiungere l’albume e l’essenza (aggiungere l’acqua ma regolatevi in base al fatto che l’impasto non deve venire molto morbido ma dovete riuscire a spremerlo con la sacca poche)
Mettere l’impasto nella sacca con bocchetta a stella larga e fare dei ciuffetti su una teglia rivestita di carta da forno decorare con frutta candita o mandorle o quello che avete e far riposare per una notte (almeno 10 ore).
Quelli bianchi invece sono delle palline passate nello zucchero a velo e schiacciate 
Infornare a 180° per circa 10 minuti ventilato al centro del forno le paste devono essere appena colorate fuori ma molto morbidi dentro.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

RISO CON TENERUME E FIORI FRITTI

Sicuramente la maggior parte non lo sa cos’è…
La Tenerume… non so bene come si dice in italiano vero (questo è il mio siculo-italiano) è la foglia della zucca siciliana, quella lunga e verde chiaro….
Qui in Puglia non si usa, e dato che a mio marito non piace, ho preferito piantare le zucche classiche (così mi diverto per halloween).
Ma siccome le piante sono le stesse, ho raccolto le foglie e le cime più tenere (tenerume) e i fiori da fare fritti.
La ricetta antica e originale è un po’ diversa dalla mia, ma a me piace così.
Ricetta:
Tenerume pulite e lavate, tagliate a pezzetti (almeno ½ kilo abbondante per due persone)
Riso 80 gr
olio evo, sale
In una pentola metto l’acqua e la verdura e faccio cuocere bene, quando la verdura mi sembra abbastanza cotta, la scolo ma senza buttare l’acqua.
Prendo una padella e faccio tostare il riso con un po’ d’olio e comincio a farlo cuocere con l’acqua di cottura della verdura, come per un normale risotto, a metà cottura del riso aggiungo la verdura che è già cotta e regolo di sale.
Aggiungo altra acqua fino a fine cottura.
Un po’ d’olio crudo e i fiori fritti………
E il piatto è pronto
Per i fiori fritti invece io faccio la pastella a modo mio:
Farina di semola rimacinata (evitare il più possibile quella 00 perchè fa male, io la uso solo ed esclusivamente per i dolci)
un uovo
grana grattugiato
sale
acqua frizzante fredda (o meglio ancora birra)
fiori di zucca ben puliti eliminando il pistillo
olio per frittura
Sbattere bene tutto, la pastella deve essere densa e non troppo liquida.
Passare il fiore nella pastella e friggerlo in olio abbondante e caldo dopo salare in superficie.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

BRIOCHE

Per l’estate faccio sempre le brioche, dato che faccio anche il gelato con la mia mitica gelatiera.

Ne faccio in abbondanza, e le congelo appena si raffreddano un po’.
Poi quando mi servono basta farle scongelare e sono come appena sfornate.

Ricetta:

  • Ingredienti
    250 gr farina manitoba
    250 gr farina 00
    80 gr strutto
    10 gr sale
    10 gr di miele MILLEFIORI 
  • 50 gr di zucchero
  • 200 gr di latte o acqua
    10 gr di lievito di birra
    1 uovo
    1 uovo per spennellare

Mettere tutto nell’impastatrice e impastare per 15 minuti, facendo incordare bene l’impasto.
Deve venire morbido e liscio.

Coprire l’impasto e far lievitare per 4 ore, trascorso il tempo, prendere l’impasto fare della palline distanziandoli abbastanza l’uno dall’altro. Mettere le teglie nel forno spento e far lievitare ancora per altre 2 o 3 ore.

Spennellare con l’uovo battuto e un po’ di latte e infornare…. a 180° per circa 15 minuti, devo risultare belli colorati.

Io per la lievitazione però uso fare così: faccio l’impasto la sera prima e lo metto in frigo, poi il mattino dopo tiro fuori l’impasto gli do un’altra impastata e lo metto nel forno spento fino a farlo arrivare a temperatura ambiente, naturalmente lieviterà di nuovo, poi procedo come sopra.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

PESTO TRAPANESE

ricette (52)
Oggi ho raccolto un po’ di pomodorini dal mio orticello e avendo sempre del basilico a disposizione, ho fatto il pesto trapanese.
Per la ricetta:
pomodorini preferibilmente senza pelle (io li trito con tutta la buccia)
qualche foglia di basilico
mandorle tostate leggermente
aglio
sale poco
olio evo
formaggio grattugiato (c’è chi usa il pecorino ma a noi non piace e uso il grana)
Tritare o pestare (sarebbe meglio) tutto e il piatto è pronto, naturalmente assaggiare (senza passarlo sul pane peròòòòòòò) e regolate i sapori, si deve sentire bene l’aglio ma anche tutti gli altri ingredienti.
Io non riesco ad usare la bilancia quando preparo il pesto anche per quello genovese, vado sempre ad occhio e assaggio, basta fare un po’ di pratica per capire le proporzioni.
Le dosi per queste ricette secondo me non sono indicate, perchè il sapore è dato sopratutto dalla qualità degli ingredienti, quindi un basilico poco profumato non si sentirebbe se usassimo il peso.
Questo però è un mio parere e quindi io lo faccio così e voi la scelta.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

RISOTTO CON ASPARAGI SELVATICI

Nella primavera dell’anno scorso quando ero ancora incinta di Andrea, il pomeriggio per camminare andavo in giro per le campagne e gira e passeggia portavo sempre in casa mazzolini di asparagi.
Quest’anno invece, che Andrea era già cresciutello lo mettevo nel passeggino e andavamo a raccogliere gli asparagi selvatici, ma anche la cicoria che qui usano fare con le fave secche.
Quando poi tornavo a casa pulivo gli asparagi, davo una sbollentata e li congelavo a porzioni, per poter fare questo buonissimo piatto.
Ingredienti:
Asparagi selvatici, riso (io uso l’originario), aglio, olio, sale, vino bianco (produzione casalinga) e brodo vegetale (il mio che faccio per tutto l’anno ), burro e grana per mantecare.
Il piatto è molto semplice, soffriggere un po’ l’aglio con l’olio, versare gli asparagi e farli rosolare, aggiungere il riso
 e farlo tostare, sfumare con il vino e poi come per tutti i risotti aggiungere a poco a poco il brodo finchè il riso è cotto.
Spegnere la fiamma e mantecare con burro e formaggio (non esagerare perchè altrimenti non si sente il sapore degli asparagi).
Piatto a costo quasi 0 a parte le lunghe passeggiate……

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

FRITTATA DI ZUCCHINA PROFUMATISSIMA

Tanto per cambiare stasera cucuzza…….
Ebbene si data la mega produzione di ortaggi quest’anno non so più come cucinarli…
Anche se le ricette classiche e semplici sono per me le uniche e sole…..
Per questa frittata:
3 uova, 500 gr zucchine stufate con solo sale e olio (per stufarle basta tagliare le zucchine a rondelle metterle in padella con un filo di olio e un pz di sale e chiudere con il magico coperchio MAGIC COOKER e in 5 minuti è pronta) mezzo bicchiere di latte, formaggio grattugiato, mollica di pane, menta a scelta io la adoro e ne metto in abbondanza.
Mescolare il tutto e versare nella padella, coprire con MAGIC COOKER lasciare per 10 minuti e poi girare.
Come contorno io ho tagliato semplicemente dei pomodori da insalata naturalmente BIO del mio orto….
Questa volta al posto della mollica di pane ho usato il PANE PEMA un pane ai cereali e a noi è piaciuto molto, perchè ha dato un gusto leggermente diverso, un pò più corposo.
OTTIMO

 

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

PESTO GENOVESE CON DADI DI MELANZANE CROCCANTI

ricette (42)5

Dato che a casa mia il basilico non manca mai in estate, spesso facciamo la pasta con il pesto genovese che TRAPANESE (ogni tanto devo pur fare gli onori di casa).

Per cambiare ogni tanto uso aggiungere o la melanzana fritta e fettine oppure come in questo caso la melanzana passata in padella, per evitare naturalmente il fritto……
altrimenti ci ingrassiamo sempre di più…… mannaggia
Per il pesto genovese:
Basilico abbondante usate le foglie più tenere, olio evo, sale, pinoli, aglio fresco e possibilmente quello nuovo, parmigiano o grana grattugiato.
La ricetta richiede il mortaio, ma la praticità ti urla usa il tritatutto e vince sempre la praticità…..105
Anche se devo dire che il pesto si annerisce molto usando le lame ma bisogna pur cedere alle tentazioni ogni tanto.
 Per le melanzane invece ho tagliato a dadini e passate in padella con un goccio di olio e poco sale. Fatte rosolare per bene e poi quando la pasta è cotta ho mischiato tutto con un’altra bella manciata di formaggio.
 Anche questo facile, veloce e soprattutto BUONO

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

ZUCCHINA LEGGERINA

Premetto leggerina è uno scherzo, se stai pensando di replicare questa ricetta, digiuna per 3 giorni prima di prepararla.

Dopo dichè prepara:
4 zucchine medie da fare a fette non sottili e fritte in pastella (acqua, farina, sale, un uovo e un po’ di formaggio)
La pastella deve essere densa e non deve scivolare dalla verdura.
Ragù lento (la vostra ricetta preferita) tanto deve andare in forno e si finirà di asciugare
Io il ragù lo faccio così: soffriggere cipolla carote e sedano, aggiungere la carne e rosolare, salare e sfumare con vino bianco e poi mettere la salsa e far cuocere a piacimento, se devo fare la lasagna o cose che ripassano in forno non lo faccio asciugare troppo altrimenti lo faccio cuocere almeno tre o quattro ore a fuoco basso.
3 mozzarelle
formaggio grattugiato
prosciutto affumicato

Si deve fare tipo come per la lasagna, uno strato di zucchine fritte, un po’ di ragù, mozzarella, prosciutto e formaggio e così via fino a finire gli ingredienti.

Poi abbondante formaggio sopra e in forno per 20 minuti a 180° (regolatevi bene voi però).
E questo è il piatto
La lasagna di zucchine con il mio amico di giochi FEGATINO
Chi vuol sapere perchè lo chiamo così alzi la mano
Il mio amico FEGATINO prende il nome dal fatto che nel mio blog lo uso nei piatti leggeri come questi, insomma in quei piatti in cui il fegato è il protagonista, e intendo il nostro fegato………
Anche a 34 anni bisogna giocare ancora un po’…………Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

SALSICCIA AROMATIZZATA FATTA IN CASA

ricette (73)oooData la mia recente allergia alla carne di vitello, mi sono organizzata con tritacarne e insaccatore e preparo la salsiccia e il macinato con la sola carne di maiale solitamente per il macinato uso capocollo e coscia, mentre per la salsiccia capocollo e pancetta.

(altro…)

BISCOTTI E PASTA DI MANDORLE gluten-free

BISCOTTI E PASTA DI MANDORLE

BISCOTTI E PASTA DI MANDORLE

Questi pasticcini li faccio spesso, per qualsiasi ricorrenza mi vengono richiesti, e io li faccio sempre.
In questo caso sono stati fatti per un 80° compleanno e portati al ristorante. 

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

(altro…)

FRITTELLE DI ZUCCHINE

FRITTELLE DI ZUCCHINE
 
Questa ricetta è sempre per smaltire queste benedette zucchine…
Non ne posso più sono piena di zucchine……… aiuto chi ne vuole un pò,
spedisco in tutta italia e anche fuori basta che me ne libero ….

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

(altro…)

GELATO ALLA NOCCIOLA

GELATO ALLA NOCCIOLA
Trovata tutti i particolari a questa ricetta
migliorata per voi

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

SEMPLICEMENTE ZUCCHINA ALLA PIASTRA

ZUCCHINE ALLA PIASTRA
dopo un anno ho sistemato al meglio questa ricetta
tutti i dettagli e il procedimento lo trovi in questa ricetta

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

LE PANELLE SICILIANE O FRITTELLE DI CECI

le panelle siciliane

LE PANELLE SICILIANE O FRITTELLE DI CECI

Qualche sabato scorso ho fatto le panelle siciliane
Che sono?????
Sono delle “frittelle di ceci”
Sono semplici da fare la cosa più importante e capire bene la cottura, perchè se cuoci poco in frittura si sfaldano, quindi meglio aspettare qualche minuti in più e acquistare un paio di mariti per farsi aiutare a girare e girare e girare e gir ……….
finchè morte non vi separi.
Sì, può anche capitare che qualche marito non riesca a superare la notte, per questo consiglio di prenderne almeno un paio…..

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

(altro…)