CUCINARE INSIEME A TE

RUSTICI

TORRE DI PIADINE INTEGRALI FARCITE

18258

Facilissime e veloci, ti salvano spesso la cena all’ultimo minuto, Le Piadine. Le faccio spesso, soprattutto quando non ho tanto tempo, ma non voglio rinunciare ad una cena saporita. E’ un impasto che si presta anche ad essere leggermente modificato, puoi mixare diverse farine, oppure usare l’olio o il burro, in sostituzione del classico strutto. Questa volta per variare un pò ho voluto provare a creare una sorta di torta da presentare in tavola direttamente a fette.

(altro…)

COME RECUPERARE LA CARNE LESSA DOPO AVER FATTO IL BRODO

 

20543Dopo un’intera settimana di pausa rilassante (forse) torno ancora più carica di nuove ricette da condividere con voi. Questa volta però ho pensato di farvi partecipe con una ricetta del riciclo, con le prossime festività capiterà molto spesso un avanzo di carne o riso, e in questo post troverete un paio di soluzioni per un recupero davvero gustoso, Buona lettura e spero di ritrovarvi tutti di nuovo qui.

(altro…)

PIZZA BIANCA A CASA MIA

06855555

io la pizza bianca la faccio così! Oggi poche parole e facciamo subito i fatti, sinceramente sono un pò stanca ma non posso evitare di condividere con voi una delle mie ricette preferite, mangerei tutte le sere pizze e focacce, anche se le devo impastare io, mi piace tantissimo il mondo dei lievitati specialmente il salato.

(altro…)

TORCIGLIONI ALLA PIZZAIOLA

TORCIGLIONI ALLA PIZZAIOLA

TORCIGLIONI ALLA PIZZAIOLA

E se vi avanza un pò di impasto per pizza o focaccia che fate? Io adoro impastare e dato che il tempo è poco, quando mi dedico ai lievitati cerco sempre di inventarmi nuove soluzioni con lo stesso impasto, evito di perdere altro tempo nella preparazione della base e cerco di dedicarlo invece a camuffarla e dare un altro aspetto alla stessa identica preparazione. Questo che vi presento è stato fatto con degli avanzi per i panini napoletani, una base semplice e morbida come una nuvola. (altro…)

POLPETTONE DI FRATTAGLIE IN CROSTA

19715

Può sembrare strano ma questo è un piatto di riciclo, ebbene si in casa non buttiamo via niente, anzi amo inventare nuove ricette con gli stessi ingredienti. Oggi ho preparato un polpettone di frattaglie d’agnello in crosta di brisè, ultimo pezzo rimasto in freezer, in Puglia si mangia spesso la carne di agnello e anche le frattaglie, cotte in tanti modi diversi, qusta è una mia versione, sperando vi possa interessare. (altro…)

PANINI NAPOLETANI MORBIDISSIMI

PANINI NAPOLETANI MORBIDISSIMI

Non avevo mai provata a fare i PANINI NAPOLETANI MORBIDISSIMI, ma mi ero sempre promessa di provarli qualche volta, e sperando di non offendere una ricetta tradizionale, ho cercato di riproporli I PANINI NAPOLETANI MORBIDISSIMI non sono altro che dei panini farciti, preparati con un’impasto simile a quello della pizza, con un pò d’olio e arrotolati, li puoi farcire come vuoi e i napoletani in questo sono fantastici, ne ho visti in giro per il web di tutti i colori, io ho solo cercato di imitare accontentando le nostre esigenze. (altro…)

CARTOCCI CROCCANTI CON SALMONE AFFUMICATO

CARTOCCI CROCCANTI CON SALMONE AFFUMICATO

CARTOCCI CROCCANTI CON SALMONE AFFUMICATO

Una delle ricette più amate in casa mia è la pasta da Rosticceria e come ho già altre volte scritto, adoro trovare nuovi usi.

Questa volta per dirla tutta ho provato a renderla croccante e biscottosa, con ottimo risultato sia nel sapore che nella consistenza, unica nota dolente la colorazione (la prossima volta metterò un foglio di stagnola sopra, per mantenere un colore più chiaro), e in questo modo abbiamo cambiato aspetto ad una semplice e quasi banale insalata invernale, rendendola un piatto unico, e allo stesso tempo un’idea carina per divertirci in cucina. (altro…)

IMPASTO PER ROSTICCERIA SICILIANA

5Impazza ormai da anni nel web, questa tipologia di impasto e vi posso assicurare che da buona siciliana, la faccio da tantissimi anni, mi trovo sempre bene, e si presta a tantissime preparazioni, dal dolce, che adoro, al salato.

Puoi fare decorazioni, torte salate, la puoi usare per il forno o fritta, farcita o no, con una semplice passata di zucchero sopra, avete capito di cosa sto parlando???

Di un impasto, che una volta capito le varie tecniche di preparazione, non lo mollerete più. Sembra banale, ma non lo è, anche se la ricetta è sempre la stessa, in base all’uso che ne farete, il sapore cambierà di molto, e non finirete mai di sorprendervi, quando scoprirete ogni volta un nuovo uso, Io vi posso solo suggerirne alcuni, provati da me personalmente, ma sono sicura che voi saprete fare molto meglio.

Intanto però la cosa essenziale è imparare a farla nel migliore dei modi, per ottenere un risultato morbido, gustoso e che mantenga tutta la sua morbidezza per più giorni, conservandolo al meglio. (altro…)

I MUFULETTI DI SAN MARTINO

I MUFULETTI DI SAN MARTINO

I MUFULETTI DI SAN MARTINONon c’è dubbio amo le ricette di una volta e le vecchie tradizioni culinarie, e nel mio blog ne troverete davvero tante, la Sicilia e a Puglia ormai sono nel mio cuore e amo tutto quelli che mi ricorda questi due paesi. Questo pane, nella mia città Trapani, viene preparato solo per la Festa di San Martino, una delle feste più profumate che ci sia. La mattina, ma anche la sera prima, in giro per le strade e anche dentro le nostre case, il profumo di anice ti riempie i polmoni e si mischia con l’aria che respiriamo.

Uno dei più bei ricordi è che la mattina si andava dai panettieri, per comprare I MUFULETTI DI SAN MARTINO ancora caldissimi, da mangiare a colazione con olio sale e pepe, una delle migliori colazioni fatte in vita mia.

Poi verso mezzogiorno si replicava la visita dai fornai per comprare i biscotti di san Martino (qui la ricetta) e gli altri panini, questa volta quelli a corona, per il pranzo bisogna anche dare un tocco di diverso. Tante corone e panini profumatissimi e tutti diversi tra loro, proprio per richiamare anche l’artigianalità che ci contraddistingue.

Adesso che vivo in Puglia però tutto questo non lo vivo più, ma cerco di mantenere viva la tradizione replicando alcune ricette in casa, per far vivere anche a mio figlio quello che io non potrò mai dimenticare. (altro…)

MATTONELLA SICILIANA

1485

Uno degli impasti più famosi in Sicilia, la pasta da rosticceria, versatile, unica e inconfondibile, un profumo di lievito che, in casa ci fa sempre tornare bambini. Quando preparo la mitica mattonella mi ricordo quando la mattina andavo a scuola, e passavo dal panettiere a comprare la merenda che mi sarei portata per la pausa, mi compravo spessissimo questo pezzo di rosticceria, e ora farlo in casa è un piacere unico. (altro…)

PASTA BRISE’

55555Anche se può sembrare strano la Pasta Brise’ la uso da poco tempo, e me ne pento amaramente di non averla usata prima. La pasta Brise’ è una base molto versatile, in genere si usa per la pasticceria Salata, ma ho anche provato su crostate e torte da forno dolci e speziate, e il contrasto leggermente salato sta Divinamente, anzi esalta ancora di più al palato il gusto dolce della preparazione.

La Pasta Brise’ è un semplicissimo impasto fatto di farina, burro, acqua e un pizzico di sale, a volte si richiede, in base alla preparazione anche l’aggiunta di uova, ma personalmente non l’ho mai fatto, in genere si usa per arricchire il piatto, data la forte presenza di burro, e per creare un contenitore nelle varie mousse salate, o speziate. (altro…)

PLUMCAKE DI PANE AL TONNO E CREMA DI CIPOLLA ROSSA DOLCE

099i

Un pane che diventa quasi un piatto unico? Si si può, se lo farcisci ancor prima di cuocerlo, è di per se un piatto unico, ricco e nutriente, con prodotti genuini e della mia terra come il tonno in olio d’oliva.

Amo le ricette semplici, ma mi piace provare ad inventarne sempre una nuova, e così il classico pane con il tonno e cipolla diventa un goloso plumcake di pane semi-integrale con tonno pinna gialla e crema di cipolle rosse dolci del mio amato orticello.

(altro…)

PEPERONCINI PICCANTI RIPIENI DI TONNO

PEPERONCINI PICCANTI RIPIENI DI TONNO

PEPERONCINI PICCANTI RIPIENI DI TONNO

Solo qualche piccolo consiglio prima di presentare la semplice e buona ricetta, fatene pochi, non vi fidate del vostro istinto (tanto li consumerò durante l’inverno) (sono conserve, mica li mangeremo tutti in una volta!) (magari ne faccio di più e li regalo per natale) sono tutte chiacchiere, una volte assaggiati, li finirete immediatamente, sono talmente buoni che non riuscirai a lasciarli nei vasetti, lì ad aspettare che arrivi Natale.

Creano assoluta dipendenza.
(altro…)

FIORI DI ZUCCA FRITTI IN PASTELLA ALLO ZAFFERANO

FIORI DI ZUCCA FRITTI IN PASTELLA ALLO ZAFFERANO

FIORI DI ZUCCA FRITTI IN PASTELLA ALLO ZAFFERANO

Di una semplicità estrema, ma di una bontà che non ha limiti.

I Fiori di Zucca Fritti in pastella allo zafferano, sono molto semplici da preparare, io non li faccio spesso, ma solo perchè purtroppo sono fritti, ma durante le cene con gli amici non possono mancare in questo periodo.

La pastella è molto corposa e saporita e vi farà innamorare.

E poi ho provato una nuova salsa agrodolce, come quella che mangiamo nei ristoranti cinesi…..

Deliziosa e leggermente piccantina che a me piace molto. (altro…)

PIZZA FATTA IN CASA SU PIETRA REFRATTARIA

180

Dopo aver cercato di spiegare tutti i vari segreti e passaggi in questo post per una buona pizza fatta in casa  , non mi fermo più.

Per noi il fine settimana è un obbligo sfornare qualche pizza o focaccia, questa volta ho deciso di utilizzare Verdure grigliate con Tonno

PIZZA FATTA IN CASA SU PIETRA REFRATTARIA

Fotor0212193250

 

 

 

 

 

Fotor0212192937

download

Fotor06240272

in pochi minuti la pizza è pronta per essere infornata, una leggera base di passata di pomodoro, un barattolo di verdure grigliate con tonno una manciata di mozzarella e una spolverata di grana grattugiato, che dà quel tocco in più alla pizza fatta in casa su pietra refrattaria

Basta seguire i vari passaggi indicati nel post che vi ho suggerito in precedenza (questo)

e la pizza verrà molto bene, con bordi alti e bolle ovunque, cornicione croccante fuori e morbido dentro

FOCACCIA RIPIENA

061

Questa focaccia ripiena la faccio spesso quando voglio consumare un pò di barattolini aperti in frigo, o semplicemente con dei salumi misti e mozzarella.

Questa versione è semi-integrale, ma potete usare sia la semplice farina 00, che la semola rimacinata.

Io la faccio in tutte le varianti, e viene buonissima lo stesso, basta mantenere l’impasto liscio e asciutto, e rispettare i tempi di lievitazione per i diversi impasti.

Ingredienti per l’impasto:
200 gr di farina integrale
300 gr di farina di semola rimacinata
Acqua circa 300 ml (ma naturalmente dipende molto dall’umidità della farina, quindi non preoccupatevi se ne avanza o ne manca ancora un pò)
due gr di lievito di birra secco
1\2 cucchiaino di miele
olio evo 2 cucchiai circa
sale qb
 
 
Ingredienti per il ripieno:
300 gr di passata di pomodoro ben asciutta
Pancetta con al pepe nero
Carciofini e funghi
Mozzarella
Salsa di asparagi e Tartufo
olio evo e semi di sesamo tostati Fotor081402129

Con questo caldo potete impastare la focaccia in mattinata (consiglio così poco lievito per facilitare la digeribilità dell’impasto, noi in questo modo ci troviamo proprio bene e in inverno impasto addirittura la sera prima e metto in frigo per la notte), mettere in planetaria le farine, sciogliere il miele e il lievito nell’acqua, e aggiungerla alla farina facendo impastare molto bene.
Quando l’acqua sarà del tutto assorbita, (circa 15 minuti a velocità media) aggiungere l’olio, far assorbire e aggiungere il sale, impastare altri due minuti, e togliere dalla ciotola.
Io in genere dò sempre una passata con le mani per renderla liscia e dargli una bella forma di pagnotta.
Mettere a lievitare in una ciotola coperta con pellicola.
Quando avrà doppiato il suo volume, dividere l’impasto in due parti, una un pò maggiore dell’altra.
Lasciare lievitare nuovamente.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

Quando la pasta della focaccia ripiena sarà pronta, stenderla con un mattarello su un piano infarinato. Portare la sfoglia in una teglia in alluminio ben imburrata, se non vi fidate potete mettere la carta da forno.

Condire la focaccia, con gli ingredienti elencati e se volete potete aggiungere alla fine una manciata di formaggio grattugiato. Stendere l’altra parte di impasto e coprire la focaccia. chiudere per bene i bordi e incidere e bucare la parte superiore, questo aiuterà a buttare fuori il vapore ed eviteremo di far gonfiare e spaccare la focaccia in cottura.

Spennellare con olio evo e cospargere con semi di sesamo.

Infornare a 220° per 30 minuti circa, regolatevi sempre in base al vostro forno e alla vostra esperienza, quando avrà raggiunto un bel color nocciola, è ora di uscire la focaccia ripiena dal forno e gustarla appena si raffredda.

TORTILLAS DI MAIS E POLLO PICCANTE

Da tantissimo tempo mi frullava in testa….. TORTILLAS, devo farle prima o poi!!
Ma come tante cose, passavano nel dimenticatoio, poi ho preso dal sito di Tast dei meravigliosi piattini per finger food, e allora mi sono decisa….
Adoro presentare in tavola anche un pò di fantasia, e ispirata da tantissime e molto simili, ricette sul web, ne riporto una mia versione.
In tantissime ricette ho trovato l’uso del lievito chimico, e della farina di grano tenero, ma poi leggendo varie storie su dove e come nascono le tortillas, ho letto che in origine non erano altro che del “pane” dei poveri, molto usato in Messico, e fatto di sola farina di mais bianca e acqua e sale.
Non riuscendo a trovare la farina di mais Bianca, ho voluto provare con la classica farina di mais per polenta, molto più grossa come macinatura, ma per una nuova versione penso non sia tanto male.
Le tortillas in genere sono farcite con manzo e fagioli, ma dato il periodo caldo, e la mia allergia alle carni di manzo e vitello, ho optato per una versione comunque piccante (e sottoscrivo) di comuni bocconcini di pollo e contorno di verdure.
Passiamo alla ricetta di entrambe le preparazioni.
Ingredienti per le tortillas ne vengono circa 10 di medie dimensioni:
200 gr si farina di mais
100 gr circa di acqua (mettetene poco alla volta, userete solo quella che serve per ottenere un impasto morbido e liscio, come quello per le pizze)
un pz di sale

Impastare gli ingredienti e formare un cilindro, ci aiuterà a tagliare le porzioni tutte dello stesso peso senza usare bilancia.
Tagliare 10 fette dello stesso spessore, stendere le tortillas tra due fogli di carta forno.
In Messico hanno uno strumento adatto per schiacciare la pasta, e una padella per cuocerle, noi qui ci si arrangia alla meno peggio, ahahah.
La sfoglia dovrà essere molto sottile, e non dobbiamo usare altra farina per evitare che si asciughi troppo e tenda a rompersi in cottura.
Preparate le sfoglie, mettetele coperte da un panno pulito, ci aiuterà a mantenere l’umidità fino al momento di cuocerle.
Cuocere le Tortillas, solo dopo aver pronti tutti gli altri ingredienti con la quale vorremo accompagnarli, in una padella antiaderente, proprio come per le nostre classiche piadine.
Ingredienti per il pollo piccante ( e ri-sottoscrivo)
200 gr di petto di pollo tagliato a bocconcini
Peperoncino Africano secco (acquistabile presso il sito Asia-market, qui)
2 cucchiai di salsa di soia
un cucchiaino di salsa worchester
1 cipolla
1 bicchiere di vino
2 bicchieri di acqua calda
Farina, sale e olio extra vergine di oliva qb
Infarinate i bocconcini di pollo con della farina di semola di grano duro, tagliare la cipolla e rosolare entrambi in olio già caldo.
aggiungere il peperoncino, le due salse e sfumare con il vino, dopo due minuti aggiungere l’acqua e continuare a cuocere fino a quando si formerà una golosa cremina e il pollo sarà ormai cotto.
Per le verdure di contorno vi rimando ad un’altra mia ricetta, (Frise con verdure) con le varie marinature dopo averle semplicemente grigliate in piastra.
A questo punto potete preparare le tortillas e condirle con il pollo subito, e bisogna mangiarle rigorosamente calde, e accompagnate da una salsa di vostro piacimento.
Io ho preparato la mia salsa barbecue che ho pubblicato tempo fa
oppure da una salsa agrodolce.

 Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso38468eb8-66c9-4d0d-a777-201b42edce59

FRISE GIGANTI TUTTA LA PUGLIA IN UN PIATTO UNICO

FRISE GIGANTI TUTTA LA PUGLIA IN UN PIATTO UNICO
FRISE GIGANTI TUTTA LA PUGLIA IN UN PIATTO UNICO
Ogni tanto una cena vegetariana, anche se non lo sono mangio comunque tantissima
verdura, principalmente derivante dal mio orto.
Questo piatto è prettamente estivo, e mi piace riproporlo proprio durante le cene con gli amici.
E’ di una semplicità imbarazzante (almeno per me) ma a volte basta un pò di fantasia e tutto prende vita e colore.
Mi piace valorizzare i prodotti delle terre che amo e che mi stanno a cuore, oggi voglio pensare un pò alla Puglia dedicando questa meravigliosa Frisellona, la cena preferita da tutti i pugliesi che io conosca.
Ho sorpreso anche loro quando, una siciliana come me, ha presentato la sua personale versione.
Il pane di Altamura infatti oggi è DOP, tutelato da qualsiasi genere di contraffazione, non vi nego che a volte ci mettiamo in macchina, per andare  a prendere il pane proprio ad Altamura, è favoloso, e anche queste friselle lo sono.

(altro…)

FOCACCIA RIPIENA CON FRATTAGLIE DI CONIGLIO E SPECK

Per il sabato sera in casa propongo spesso rustici, pizze o focacce.
Questa è una focaccia ripiena davvero gustosa, e soprattutto perchè la farcisci con tutto quello che vuoi, io la faccio sempre diversa e in casa apprezzano il fatto di non sapere mai cosa ci possa essere dentro.
Passiamo alla ricetta dell’impasto e poi vi suggerisco i miei ripieni.
Ingredienti:
700 gr di farina di Semola
500 gr di acqua tiepida
1015 gr di sale secondo i vostri gusti
(1 cucchiaino di miele, che aiuta il lievito a crescere molto meglio io ormai lo uso per tutti i lievitati e il risultato è notevolmente differente)
2 cucchiai di olio evo di qualità
2 gr di lievito di birra secco

Con questo caldo potete impastare la focaccia in mattinata (consiglio così poco lievito per facilitare la digeribilità dell’impasto, noi in questo modo ci troviamo proprio bene e in inverno impasto addirittura la sera prima e metto in frigo per la notte), mettere in planetaria la farina, sciogliere il miele e il lievito nell’acqua, e aggiungerla alla farina facendo impastare molto bene.
Quando l’acqua sarà del tutto assorbita, (circa 15 minuti a velocità media) aggiungere l’olio, far assorbire e aggiungere il sale, impastare altri due minuti, e togliere dalla ciotola.
Io in genere dò sempre una passata con le mani per renderla liscia e dargli una bella forma di pagnotta.
Mettere a lievitare in una ciotola coperta con pellicola.
Quando avrà doppiato il suo volume, dividere l’impasto in due parti, una un pò maggiore dell’altra.
Lasciare lievitare nuovamente.
Nel frattempo ci prepareremo i ripieni.

La mia è fatta con due ripieni differenti
Primo ripieno
Frattaglie di coniglio
cipolle marinate o in agrodolce
Mozzarella e formaggio grattugiato
Tagliate le frattaglie a pezzetti piccoli, rosolate in padella con poco olio, salare e sfumare con un pochino di vino.
Dopo dieci minuti il ripieno è pronto.

Secondo ripieno
Carciofini
Olive nere
speck altotesino

E per entrambi tanta mozzarella e formaggio grattugiato.

Quando l’impasto sarà lievitato nuovamente, tirate con il mattarello due sfoglie non troppo sottili, mettete quella più grande come base, in una teglia imburrata, mettete i due ripieni suggeriti, e chiudete con l’altra sfoglia, girando i bordi con la forchetta, fate meglio di me.

Se volete potete passare un pò d’olio e semi di sesamo, io andavo veloce ed ho infornato subito.
Il forno deve essere già caldo a 220° in modalità ventilato.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

PANE FRITTO……. ALTRO CHE CENA DEI POVERI!!!!!!

Quando ti avanza del pane che fai????
pan grattato?? NO
lo butti??? NO
lo dai ai cani???? A VOLTE SI
ma in genere lo mangio io
Ecco una soluzione per poter usare il pane raffermo, questa ricetta è indicata per il pane che non si usa già da un paio di giorni, deve essere abbastanza croccante per evitare che assorba tanto olio.
questa ricetta mi ricorda l’infanzia, e quelle cene in casa con pochissime cose e taaaaanta fame.
Ingredienti:
fette di pane raffermo alte almeno un cm
Mortadella Bologna IGP
sottilette
due uova e un cucchiaio di latte
olio per frittura
Zucchero e cannella a parte
Passare le fette di pane nell’uovo sbattuto con il latte, non devono assorbire tanto liquido, basta giusto passarle e tuffarle nell’olio bollente, friggere le fette di pane fino a doratura ideale, non devono diventare troppo scure.
Appena tolte dall’olio, asciugare le fette di pane su carta assorbente, e mettere le sottilette subito, così scioglieranno un pò con il calore del pane.
Dopo qualche minutino, aggiungere anche la mortadella e un’altra fetta di pane sopra.
Per la versione golosa invece……
passare il pane subito dopo averlo asciugato nello zucchero mischiato con qualche cucchiaino di cannella.
e se sei ancora più golosa, puoi accompagnare il tutto da un topping al cacao.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

1 2 3 4 5