CUCINARE INSIEME A TE

CUCINA PUGLIESE

TIRAMISU’ UN CLASSICO GOLOSO

Non so perchè ma quando arriva la primavera adoro preparare uno dei dolci più famosi e semplici
Il tiramisù
Mi piace farlo sempre i primi giorni caldi della primavera…
E infatti qualche giorno fa
l’ho preparato con le uova freschissime,
non le ho pastorizzate proprio perchè sono state appena raccolte,
ma un consiglio se sono uova di dubbia provenienza, potete tranquillamente pastorizzarle (o qualcosa di simile) facendo in questo modo….
Basta montare le uova (tuorli e albumi a bagno maria come per lo zabaione)
Mettere la ciotola con le uova da montare dentro un pentolino con l’acqua che sobbolle, fate attenzione a non far bollire troppo altrimenti le uova diventano strapazzate)
La temperatura per pastorizzarle è di 65 gradi, quindi misurate la temperature delle uova, quando raggiungono i gradi desiderati, spegnete il gas e continuate a montare.
La preparazione è molto semplice
Ingredienti:
250 mascarpone di ottima qualità
3 uova medie freschissime
3 cucchiai colmi di zucchero
(io mi baso così ogni 100 gr di mascarpone circa metto un uovo e un cucchiaio di zucchero, questo metodo è infallibile e non lo dimenticherete più)
Caffè leggermente zuccherato una tazza abbondante
Biscotti Lingue di suocera
Cacao e decorazione a vostro piacimento
Preparazione:
Preparare il caffè e farlo raffreddare.
Separare i tuorli dagli albumi e montare quest’ultimi a neve ben ferma.
Montare i tuorli con lo zucchero fino a renderli chiari e spumosi, a questo punto aggiungere anche il mascarpone.
Aiutandosi con la planetaria la preparazione è un gioco da ragazzi e il dolce viene molto soffice e montato, ma si può fare tranquillamente anche con una frusta elettrica o a mano.
Aggiungere alla crema gli albumi montati, aiutandosi con la frusta, ma senza esagerare, cercare di girare con delicatezza per evitare di sgonfiare il composto.
Appena abbiamo la crema pronta, possiamo iniziare l’assemblaggio.
In una teglia in alluminio
Creare un fondo di biscotti inzuppati nel caffè, non esagerate il fondo è meglio un pò croccantino.
Versare metà della crema al mascarpone sui biscotti, poi fare un’altro strato di biscotti inzuppati, e di nuovo l’altra crema.
Finire cospargendo il dolce completamente con il cacao in polvere.
Mettere in frigo e servire il giorno dopo…
Questo è fondamentale il tiramisù più sta e più buono è….
Un dolce semplice, facile e buonissimo….
Poi è un’ottima base per tantissime varianti

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

FOCACCIA CON CIME DI RAPA E SALSICCIA

Il sabato sera in casa mia non può mancare la pizza o la focaccia…. è un rito ormai, anche se ultimamente mi piace preparare i panini
questa focaccia nasce dall’idea di svuotare un pò di rimanenze in frigo.
L’altra sera mi erano rimaste delle cime di rapa già lesse e un pò di salsiccia già scongelata perchè ne avevo usato solo un pezzetto per un risotto.
Allora, perchè non fare una focaccia ripiena?
Mi piace provare sapori e consistenze, ultimamente anche nuove farine, infatti questa volta ho avuto il piacere di provare una farina di grano tenero integrale biologica Tre grazie.

Ingredienti per la focaccia:

 
350 gr di farina di Farina integrale di grano tenero biologica 
350 gr di farina di semola rimacinata
500 gr di acqua tiepida
1015 gr di sale a secondo il vostro gusto 
2 cucchiai di olio extra vergine di oliva biologico dop
2 gr di lievito di birra fresco
Ingredienti per il ripieno:
300 gr circa di cime di rape lesse e già salate
100 gr di salsiccia
2 mozzarelle medie
 
Preparazione del ripieno:
Togliere il budello dalla salsiccia e passare in padella con un goccio di olio, appena prende colore spegnere.
Tritare la mozzarella e le cime di rape al coltello e aggiungere anche la salsiccia.
Il ripieno della nostra focaccia è già pronto.
 
La sera prima impasto farina, acqua e lievito con la planetaria, poi metto l’olio e il sale e do un’altra impastata, uso così poco lievito perchè è molto più digeribile e se fatta la sera prima ha tutto il tempo di lievitare.
Metto in un contenitore capiente, perchè dovrà lievitare, e metto in frigo per tutta la notte.
La mattina (in inverno) il pomeriggio presto (in estate) la metto fuori, do un’altra impastata a mano (tanto per farla sgonfiare) e la metto nel forno appena scaldato e spento.
Appena raddoppia di volume, prendo nuovamente l’impasto lo divido in due parti una un pò più grande dell’altra, e la faccio riposare 15 minuti coperta.
Stendo la focaccia in due sfoglie non troppo sottili, e metto la sfoglia più larga in una taglia imburrata, a questo punto farcisco la focaccia con il ripieno pronto in precedenza, aggiungo due sottilette e chiudo con l’altra sfoglia, sigillo per bene i bordi aiutandomi con una forchetta e bucherellare un pò la superficie per evitare che in cottura possa gonfiare.
Cospargere la focaccia di olio in superficie e semi di sesamo.
Infornare a 200-220° per 25-30 minuti, fino a che prenda un bel colore nocciola.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

FRITTATA DI CICORIA

A volte la sera non so mai cosa preparare, a pranzo un piatto di pasta veloce, ma la cena è un dramma….
Ma io ho la soluzione ideale, quando non so che fare faccio una frittata.
Mi piace variare sempre gli ingredienti ma la base di uova, latte, formaggio rimane invariata.
Avendo una bella cicoria catalogna in frigo mi è venuta voglia di provarla.
Di solito uso la cicoria a crudo, non l’ho mai cotta, ho sempre tagliato a pezzettini e mangiata insieme ad insalata e finocchi o altra verdura fresca.
Ma dato che ultimamente mi piace inventare, per poter aggiungere sempre più ricette al mio blog ho provato e devo dire che l’esperimento è riuscito alla grandissima.

ingredienti:

1 cicoria catalogna non troppo grande
2 uova
12 bicchiere di latte
1 cucchiaio di formaggio di pecora cremoso
un pizzico di sale
2 cucchiai di pan grattato
2 cucchiai di formaggio grattugiato
olio extra vergine di oliva
maggiorana fresca due cucchiai

Per prima cosa bisogna pulire la verdura e lessarla in acqua bollente non salata per almeno 1520 minuti.

A parte sbattere le uova con il latte, il formaggio, la maggiorana, aggiungere il formaggio di pecora cremoso La Antigua, la cicoria lessa, ben scolata e fredda, il sale e alla fine il pan grattato.
Versare in una padella capiente far scaldare l’olio evo e versare la frittata, far cuocere a fuoco basso per 15 minuti circa con coperchio e poi girare la frittata.
Continuare a cuocere per altri 10 minuti, fino a fine cottura.
La frittata è pronta basta solo servire….
Buona cena

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

FUSILLONI E ASINO STUFATO

E quindi oggi spezzatino…
Niente di più semplice
Ingredienti:
500 gr di spezzatino d’asino
1 bottiglia di passata di pomodoro
1 cipolla media
vino bianco
sale
basilico
olio evo
Rosolare la cipolla con l’olio direttamente nella pentola, dove dobbiamo cucinare lo stufato.
Poi rosolare anche i pezzi di carne, fategli fare per bene la crosticina per sigillare la carne….
 Io lo faccio un pò alla volta, li tolgo faccio gli altri e quando ho finito, rimetto tutto dentro.
La crosticina serve per non far perdere i liquidi alla carne…
Appena finita tutta la carne, salare e sfumare con il vino Bianco
A questo punto abbassare la fiamma al minimo e aggiungere la passata, chiudere con coperchio e lasciare che il sugo bollisca piano piano.
Io lo faccio cuocere per almeno 3 ore….
comunque basta controllare ogni tanto.
Quando sono quasi alla fine, assaggio il sugo e regolo di sale
A fuoco spento metto il basilico
E poi non ci resta che condire la pasta
Buon appetito

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

FAVE E VERDURE AL PROFUMO DI BALSAMICO

Questa ricetta nasce un pò di tempo fa, quando mi trasferii in Puglia….
Non so se lo sapete, ma in Puglia (in quasi tutta la regione) si usa cucinare un piatto molto antico che è “FAVE E VERDURE”
In pratica è un purè di fave accompagnato da verdure di campo lesse (cicorielle selvatiche)
Ma dato che non si riesce mai a fare delle dosi precise, di solito se ne fa rimanere sempre un pò.
E con l’aggiunta di un pò di qualche ingrediente nuovo si è pronti per una rivisitazione del tradizionale piatto
“FAVE E VERDURE”

RICETTA
INGREDIENTI PER 2 PERSONE:
Fave secche 100 gr
patata mezza (piccola)
aglio 1 spicchio
alloro 1 foglia
cicoria selvatica 250 gr
(se non avete la cicoria si può sostituire con della bieta o anche spinaci)
cipolla rossa di Tropea 1 di media grandezza
pasta corta a vostro gradimento 150 gr
olio extra vergine di olive 3 cucchiai
CONDIMENTO BALSAMICO BIANCO 1 cucchiaio
sale qb
PREPARAZIONE:
Mettere a bagno, in acqua tiepida, la sera prima, le fave secche con un pizzico di bicarbonato.
Il giorno dopo mettere sciacquare le fave, metterle in una pentola (meglio se alluminio) le fave, la mezza patata, lo spicchio di aglio e la foglia di alloro, e aggiungere acqua fino a superare di 3 cm le fave.
Cuocere a fuoco basso fino a quando le fave avranno assorbito tutta l’acqua.
A metà cottura però salare un pò e poi alla fine regolare.
Quando l’acqua sarà assorbita e le fave si sfaldano, il purè è pronto.
A questo punto frullare tutto con il frullatore ad immersione e aggiungere 2 cucchiai di olio.
Frullare fino a renderlo come una crema, più frulli e più si schiarisce…. deve diventare liscio.
Lessare e salare le verdure a vostro piacimento
Mettere una capiente pentola con acqua, appena bolle, buttare le verdure, salare e aspettare la cottura.
Scolare le verdure e tenetele da parte.
Nella stessa acqua cuocere la pasta.
A parte invece tagliare la cipolla e cuocerla, a fuoco medio, con un cucchiaio di olio, per 15 minuti, appena la cipolla è appassita, sfumare con il CONDIMENTO BALSAMICO BIANCO
A questo punto non ci resta che scolare la pasta e fare la magia…
Mischiare tutte le preparazioni (purè, verdura, cipolla e pasta) e mangiare….
Vi assicuro che le tradizioni non si smentiscono mai…. e poi con un tocco di nuovo è tutta un’altra storia…

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

SPINCE

Nel periodo natalizio in casa mia si fanno le spince, anche se non so il vero nome in italiano.
In Puglia si fanno le pettole, che alla fine è la stessa cosa.
Si possono fare in versione salata o dolce come nel mio caso.
Erano anni che non li mangiavo, anzi che non sentivo il sapore delle spince che faceva sempre mio nonno.
Da quando ho iniziato a cucinare ho sempre letto sul web varie ricette e non erano mai come quelle che mi preparava il mio nonnino quando ero ragazzina.
Purtroppo non feci in tempo a chiedergli la ricetta, io ero ancora una bambina quando ci ha lasciati.
Ma nel mio ricordo c’erano sempre quei sapori e quegli odori che finalmente con questa ricetta sono riuscita a trovare.
La differenza è che nelle altre ricette solitamente mettono la patata o le uova o il lievito per dolci, io no e nemmeno mio nonno….
Ogni tanto chiedevo a mia madre, ma non si ricordava, le dicevo sempre ” ma io non ricordo le patate e nemmeno le uova” e la risposta era sempre
Boh, e chi se le ricorda
“io, io e sempre io”
Per questa ricetta gli ingredienti sono semplicissimi, infatti altro non è che l’impasto del pane, lasciato morbido e fritto.
Ingredienti:
  • 500 gr di Farina di semola rimacinata
  • 400 ml di acqua tiepida (anche 450 gr se si è pratici con questi impasti)
  • 5 gr di lievito di birra
  • 4 cucchiai di olio
  • sale qb
La sera prima impastare il tutto fino a fare un impasto molto morbido.
Coprire con pellicola e mettere in frigo.
Il giorno dopo uscire l’impasto dal frigo e sgonfiarlo, impastarlo di nuovo e metterlo ancora a lievitare.
Io lo metto nel forno tiepido e spento con la luce accesa.
Quando l’impasto è pronto (ci vorranno circa 4 ore) preparare una pentola con l’olio di semi per frittura, quando l’olio è caldo cercate di prendere una pallina (usando le mani umide così non si attacca l’impasto) e versarla nell’olio bollente.
Quando sono cotte passarle subito nello zucchero mischiato con un pò di cannella e buone feste a tutti.
Per una versione più digeribile seguite i consigli su questo nuovo post (LEGGI QUI)

E questa è la versione salata, basta mettere all’impasto dei pezzetti di olive nere, o salame, o anche acciuga e pomodoro secco, insomma potrete dare sfogo alla vostra fantasia.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

SALSA BARBECUE HOME-MADE

342555
Adoro il barbecue e vivendo in campagna non ci è difficile farlo, in ogni occasione.
Questo piatto risale ad un po’ di mesi fa, quando stare fuori era ancora piacevole, a differenza degli ultimi giorni…. brrrrrr che freddo.
 
Dato che ci piace anche il cibo piccante in questa ricetta abbiamo sfidato noi stessi utilizzando come ingrediente piccante il Chili Habanero
Ragazzi questo è solo per i veri amanti del piccante…… perchè è PICCANTE……… azzzzz se è piccante….
 
Ingredienti per la SALSA BARBECUE HOME MADE:
 
200 gr di salsa di pomodoro
un cucchiaio di concentrato di pomodoro
una cipolla gialla
uno spicchio di aglio
3 cucchiai di aceto di vino bianco
2 cucchiai di senape
2 cucchiai di zucchero
mezzo cucchiaino di CHILI HABANERO ( oppure un peperoncino comune)
20 gr burro
Tabasco
Salsa Worchester
sale e pepe.
 
Preparazione:

Tagliate finemente la cipolla e l’aglio e fateli rosolare a fiamma vivace nel burro: versate anche l’aceto e fatelo sfumare. Versate quindi nella pentola la passata di pomodoro e il concentrato e, mescolando, unite alla salsa anche la senape, il peperoncino e lo zucchero.
Fate cuocere per una ventina di minuti e alla fine regolare di sale. A fuoco spento aggiungere il pepe, il tabasco e la salsa Worchester a nostro piacimento. Frullare tutto con il frullatore ad immersione e la salsa è pronta. A questo punto per avere delle alette più saporite, spennello le alette crude con la salsa barbecue fredda e le lascio macerare per almeno un paio d’ore.
 Quando il fornello per il barbecue è pronto metto le alette e le cucino fino ad cottura voluta…. 
accompagnando le alette con altra salsa piccante. 
Buon pranzo e mi raccomando chiamate i pompieri prima… perchè il Chili Habanero bruciaaaaaaa 

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

SPEZZATINO D’ASINO

Ingredienti:
500 gr di spezzatino d’asino (da noi lo vendono i macellai di carne di cavallo)
1 bottiglia di passata di pomodoro
1 cipolla media
vino bianco
sale
basilico
olio evo (Pietro coricelli)
Rosolare la cipolla con l’olio direttamente nella pentola, dove dobbiamo cucinare lo stufato.
Poi rosolare anche i pezzi di carne, fategli fare per bene la crosticina, io lo faccio un pò alla volta, li tolgo faccio gli altri e quando ho finito, rimetto tutto dentro.
La crosticina serve per non far perdere i liquidi alla carne…
Appena finita tutta la carne, salare e sfumare con il vino Bianco
A questo punto abbassare la fiamma al minimo e aggiungere la passata, chiudere con coperchio e lasciare che il sugo sobbolisca piano piano.
Io lo faccio cuocere per almeno 3 ore….
comunque basta controllare ogni tanto.
Quando sono quasi alla fine, assaggio il sugo e regolo di sale
A fuoco spento metto il basilico
E poi non ci resta che condire la pasta
Buon appetito

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

PANINI FRITTI

PANINI FRITTI
PANINI FRITTI
PANINI FRITTI

 Ingredienti per i PANINI FRITTI

 

  • olio per fritture (io uso l’ilio di semi di arachide)
  • 1 kilo di farina per pizza
  • 600 gr di acqua a temperatura ambiente
  • 5 gr di lievito di birra fresco
  • 15 gr di sale (io faccio ad occhio e poi assaggio la pasta)

Per la farcitura dei PANINI FRITTI
Formaggi svizzeri   SBRINZ E GRUYERE Mortadella, salame piccante e prosciutto cotto

Questa ricetta di base si presta anche alla cucina vegana e vegetariana, le farciture sono a libero piacimento

Preparazione:

Sciogliere il lievito nell’acqua.
Mettere la farina nella planetaria e aggiungere il liquido, solo alla fine salare.
Impastare a velocità minima per 15 minuti.
Deve venire un impasto morbido e asciutto.
Mettere a lievitare coperto con pellicola per 3 o 4 ore fino a raddoppiare il volume.
Tagliare dei pezzi di pasta di circa 80 gr, e formare delle palline.

Lasciar riposare ancora 1 ora e poi schiacciare un pò le palline e friggerle in olio caldo ma non bollente, in modo da far cuocere bene anche dentro.

Tagliare a metà il panino ancora caldo e mettere subito le fette di formaggio che con il calore si scioglieranno formando una cremina golosa, e poi aggiungere il salume che preferiamo….

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

FOCACCIA PUGLIESE

2
Lo so io sono siciliana, ma con un marito pugliese non potevo non imparare a fare la focaccia Pugliese,
Ci sono diverse ricette e storie sulla focaccia Pugliese, ma la cosa principale è la distinzione con la focaccia Barese, molto più sottile e croccante.
Questa è molto soffice all’interno, con un’alveolatura strepitosa, grazie ad una lunga e attenta lievitazione, potrete usare pochissimo lievito e il risultato sarà una Focaccia morbida dentro, croccantissima fuori, e soprattutto digeribile.
1
 La Focaccia Pugliese
Io la faccio così:
½ kilo di farina di Farina di tipo 1
½ kilo di farina di semola rimacinata
700 gr di acqua tiepida
15/20 gr di sale a secondo il vostro gusto
mezzo bicchiere di olio
2 gr di lievito di birra
La sera prima impasto farina, acqua e lievito con la planetaria (regalo di mio marito proprio per poter fare la focaccia tutti i sabato o quasi) poi metto l’olio e il sale e do un’altra impastata, uso così poco lievito perchè è molto più digeribile e se fatta la sera prima ha tutto il tempo di lievitare.
Metto in un contenitore capiente, perchè dovrà lievitare, e metto in frigo per tutta la notte.
La mattina (in inverno) il pomeriggio presto (in estate) la metto fuori, do un’altra impastata a mano (tanto per farla sgonfiare) e la metto nel forno appena scaldato e spento, appena lievita di nuovo (circa 2 o 3 ore) la metto nella teglia imburrata e la faccio lievitare ancora un po’ (circa 1 ora).
Poi accendo il forno al massimo, metto i pomodorini, l’origano l’olio e il sale sulla focaccia e quando il forno è a temperatura inforno nel ripiano più basso con ventilato.
Temperatura (il massimo consentito del vostro forno) 240° tempo circa 15/20 minuti. deve diventare nocciola…
(puoi anche mettere la cipolla leggermente stufata, oppure olive nere)
Una cosa non deve mancare nella vera Focaccia Pugliese, tanto, ma tanto olio, sia nell’impasto che in superficie.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

Ed ecco la mia focaccia pugliese fatta da una siciliana…..
non sembra vero???1
Durante questi anni ho fatto molte prove sulla focaccia Pugliese, potete usare anche farina di semola (non rimacinata) al 50% con la rimacinata, viene molto più croccante (naturalmente sono gusti)
Se vuoi invece la parte superiore morbida, quasi effetto cremoso, puoi usare questo piccolo trucchetto: Prima di infornare versa sulla focaccia mezzo bicchiere di acqua mescolata all’olio e versa in un colpo solo, inforna subito e vedrai che la superficie resterà morbida e nelle fossette e croccante nelle parti più alte.
Prova la tua adesso.

PEPERONI FRIGITELLI

Niente di più facile….
Questi peperoni non li avevo mai visti in Sicilia.
Qui in Puglia invece sono molto usati….
La ricetta è molto semplice, basta pulire i peperoni dal picciolo, senza bucarli però, e friggerli in olio non bollente altrimenti schizzano tremendamente, anzi io solitamente metto pure il coperchio…
Salarli e mangiarli tiepidi…..
sono meravigliosi anche se il fegato a volte ringrazia…..

Un dolce dopo cena subito pronto:

Un meraviglioso e goloso

Veramente buono……..
Come tutti i prodotti FREDDI DOLCIARIA

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

PANZEROTTI

Sabato scorso PANZEROTTI con FarinaAntiqua Tipo 1 macinata a pietra
Per l’impasto:
12 kg di farina Tipo 1
300 ml acqua tiepida
10 gr lievito di birra
sale qb
Ripieno:
Prosciutto,
mozzarella,
pomodoro pelato condito con sale e un goccio d’olio.
Impastare il tutto io lo faccio fare alla planetaria, ma anche a mano è uguale, ci si mette un pò più di tempo e fatica……
Far riposare due ore circa e poi fare le palline di circa 80 gr ciascuna.
Lascio riposare una mezz’ora e poi farcisco i panzerotti con il ripieno.
Subito chiusi a panzerotto o calzone e fritti in olio di semi bollente.
Vi consiglio di chiuderli e friggerli subito altrimenti la pasta si può bagnare e uscire il ripieno….
E immaginate la mozzarella nell’olio bollente……
Ecco a voi la bontà in assoluto……

 

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

RISOTTO CON ASPARAGI SELVATICI

Nella primavera dell’anno scorso quando ero ancora incinta di Andrea, il pomeriggio per camminare andavo in giro per le campagne e gira e passeggia portavo sempre in casa mazzolini di asparagi.
Quest’anno invece, che Andrea era già cresciutello lo mettevo nel passeggino e andavamo a raccogliere gli asparagi selvatici, ma anche la cicoria che qui usano fare con le fave secche.
Quando poi tornavo a casa pulivo gli asparagi, davo una sbollentata e li congelavo a porzioni, per poter fare questo buonissimo piatto.
Ingredienti:
Asparagi selvatici, riso (io uso l’originario), aglio, olio, sale, vino bianco (produzione casalinga) e brodo vegetale (il mio che faccio per tutto l’anno ), burro e grana per mantecare.
Il piatto è molto semplice, soffriggere un po’ l’aglio con l’olio, versare gli asparagi e farli rosolare, aggiungere il riso
 e farlo tostare, sfumare con il vino e poi come per tutti i risotti aggiungere a poco a poco il brodo finchè il riso è cotto.
Spegnere la fiamma e mantecare con burro e formaggio (non esagerare perchè altrimenti non si sente il sapore degli asparagi).
Piatto a costo quasi 0 a parte le lunghe passeggiate……

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

FRITTATA DI ZUCCHINA PROFUMATISSIMA

Tanto per cambiare stasera cucuzza…….
Ebbene si data la mega produzione di ortaggi quest’anno non so più come cucinarli…
Anche se le ricette classiche e semplici sono per me le uniche e sole…..
Per questa frittata:
3 uova, 500 gr zucchine stufate con solo sale e olio (per stufarle basta tagliare le zucchine a rondelle metterle in padella con un filo di olio e un pz di sale e chiudere con il magico coperchio MAGIC COOKER e in 5 minuti è pronta) mezzo bicchiere di latte, formaggio grattugiato, mollica di pane, menta a scelta io la adoro e ne metto in abbondanza.
Mescolare il tutto e versare nella padella, coprire con MAGIC COOKER lasciare per 10 minuti e poi girare.
Come contorno io ho tagliato semplicemente dei pomodori da insalata naturalmente BIO del mio orto….
Questa volta al posto della mollica di pane ho usato il PANE PEMA un pane ai cereali e a noi è piaciuto molto, perchè ha dato un gusto leggermente diverso, un pò più corposo.
OTTIMO

 

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

ZUCCHINA LEGGERINA

Premetto leggerina è uno scherzo, se stai pensando di replicare questa ricetta, digiuna per 3 giorni prima di prepararla.

Dopo dichè prepara:
4 zucchine medie da fare a fette non sottili e fritte in pastella (acqua, farina, sale, un uovo e un po’ di formaggio)
La pastella deve essere densa e non deve scivolare dalla verdura.
Ragù lento (la vostra ricetta preferita) tanto deve andare in forno e si finirà di asciugare
Io il ragù lo faccio così: soffriggere cipolla carote e sedano, aggiungere la carne e rosolare, salare e sfumare con vino bianco e poi mettere la salsa e far cuocere a piacimento, se devo fare la lasagna o cose che ripassano in forno non lo faccio asciugare troppo altrimenti lo faccio cuocere almeno tre o quattro ore a fuoco basso.
3 mozzarelle
formaggio grattugiato
prosciutto affumicato

Si deve fare tipo come per la lasagna, uno strato di zucchine fritte, un po’ di ragù, mozzarella, prosciutto e formaggio e così via fino a finire gli ingredienti.

Poi abbondante formaggio sopra e in forno per 20 minuti a 180° (regolatevi bene voi però).
E questo è il piatto
La lasagna di zucchine con il mio amico di giochi FEGATINO
Chi vuol sapere perchè lo chiamo così alzi la mano
Il mio amico FEGATINO prende il nome dal fatto che nel mio blog lo uso nei piatti leggeri come questi, insomma in quei piatti in cui il fegato è il protagonista, e intendo il nostro fegato………
Anche a 34 anni bisogna giocare ancora un po’…………Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

SALSICCIA AROMATIZZATA FATTA IN CASA

ricette (73)oooData la mia recente allergia alla carne di vitello, mi sono organizzata con tritacarne e insaccatore e preparo la salsiccia e il macinato con la sola carne di maiale solitamente per il macinato uso capocollo e coscia, mentre per la salsiccia capocollo e pancetta.

(altro…)

BISCOTTI E PASTA DI MANDORLE gluten-free

BISCOTTI E PASTA DI MANDORLE

BISCOTTI E PASTA DI MANDORLE

Questi pasticcini li faccio spesso, per qualsiasi ricorrenza mi vengono richiesti, e io li faccio sempre.
In questo caso sono stati fatti per un 80° compleanno e portati al ristorante. 

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso
Ad

(altro…)

GELATO ALLA NOCCIOLA

GELATO ALLA NOCCIOLA
Trovata tutti i particolari a questa ricetta
migliorata per voi

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

SEMPLICEMENTE ZUCCHINA ALLA PIASTRA

ZUCCHINE ALLA PIASTRA
dopo un anno ho sistemato al meglio questa ricetta
tutti i dettagli e il procedimento lo trovi in questa ricetta

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

1 4 5 6