CUCINARE INSIEME A TE

Searching for "pane"

PANE DI FARRO CON AUTOLISI E POOLISH

PANE DI FARRO CON AUTOLISI E POOLISH

PANE DI FARRO CON AUTOLISI E POOLISH

Ormai compro farine ovunque, e di tutti i tipi. In casa ho scorte per un esercito, e poi, la corsa a consumarle prima che scadano, o deperiscano irrimediabilmente. Io mi diverto tantissimo ad usare farine integrali e di diversi cereali.

Ormai da qualche anno non uso più farina di grano tenero o duro (fatta eccezione del grano senatore cappelli e saragolla, trovate ottime in purezza e macinate a pietra, dal mulino I MURGINI), e per ottenere un pane ben alveolato (non si fanno certo i miracoli) bisogna avere pazienza e cercare di dare una mano. Questa volta ho voluto provare una tecnica per me nuova, (semplicissima, ma penso che sia d’aiuto alle farine integrali e macinate a pietra).  (altro…)

PANE VELOCE SENZA IMPASTO

PANE VELOCE SENZA IMPASTO

PANE VELOCE SENZA IMPASTO

Per fare il pane in casa occorre tempo e pazienza, ci sono varie tecniche, una per ogni tipo di risultato che vogliamo ottenere. Gli impasti sono uno diverso dall’altro, i tempi e le lavorazioni, lo stesso, ma la voglia di fare non ci manca, giusto?

Ho voluto trovare un metodo molto semplice e veloce, proprio per un pane casereccio, per chi spesso non ha tempo, e in più non bisogna essere precisi nei tempi, basta una ciotola, un cucchiaio e circa 15 minuti del nostro tempo in tutto.

Certamente non è la pagnottona, ben curata, liscia liscia, e perfetta, ma è un buon pane, e ho anche provato varie farine con lo stesso metodo, basta diminuire o aumentare l’acqua e il pane viene benissimo. Ottimo per la settimana, e magari ci riserviamo i vari impasti studiati e tecnici per la domenica. Fossi in te lo proverei subito. (altro…)

PANE PIZZA SICILIANO (U CABBUCIO)

PANE FATTO IN CASA CON FARINA SENATORE CAPPELLI

PANE FATTO IN CASA CON FARINA SENATORE CAPPELLI

PANE FATTO IN CASA CON FARINA SENATORE CAPPELLI

Un pane dal sapore antico, infatti il grano duro Senatore Cappelli è una qualità molto antica che si usava coltivare nel sud, come qui in Puglia, una qualità molto noto e allo stesso pregiata, ricca di privilegi e di ottimo sapore, gli impasti con solo grano duro Senatore Cappelli, non risulteranno molto alveolati, ma il sapore ripagheranno gli occhi, anche io amo il pane con mille buchi e molto evidenti, e per evitare l’inconveniente della scarsa alveolatura, consiglio di mescolarla alla farina di grano tenero in pari percentuali. (altro…)

PALLINE DI PANE RIPIENE CON OLIVE

PALLINE DI PANE RIPIENE CON OLIVE

PALLINE DI PANE RIPIENE CON OLIVE

Quante volte impastiamo pizza, focacce e pane? io quasi un paio di volte a settimana, e spesso mi avanza dell’impasto, diciamo la verità (abbondiamo apposta), e non sempre si ha voglia della stessa cosa. io uso spesso preparare tanti piccoli antipasti, da congelare e tirare fuori quando arrivano amici all’improvviso, una passata< veloce nel forno caldo e gli aperitivi sono sempre pronti. (altro…)

PANE PIZZA RICETTA DI RICICLO

PANE PIZZA RICETTA DI RICICLO

Spesso impasto e non uso mezze misure, apro il pacco da un kilo di farina e butto tutto in planetaria, non amo lasciare il pacco aperto, diciamo che è una buona scusa per avere sempre un pò di impasto pronto in frigo.

Il PANE PIZZA RICETTA DI RICICLO l’ho provato per la prima volta proprio in una pizzeria, e dato che ormai le faccio in casa ho pensato di preparare anche il PANE PIZZA RICETTA DI RICICLO, facilissimo e ti risolve la cena del giorno dopo. (altro…)

POLPETTE DI PANE FRITTE RICETTA CASALINGA

 
POLPETTE DI PANE FRITTE RICETTA TIPICA SICILIANA CASALINGA
POLPETTE DI PANE FRITTE RICETTA TIPICA SICILIANA CASALINGA

Un piatto che mi riporta indietro nel tempo, a quando ero piccola e in casa la sera dopo cena come dolce “molto atipico” ci venivano preparati “i Pisci r’Ovo”, non so perchè venivano chiamati così, in Italiano dovrebbe essere tradotto come “I pesci di uova” ma alla fine non erano altro che delle POLPETTE DI PANE FRITTE, una ricetta tipicamente Siciliana, proprio perchè pur essendo di base salate, in casa ci veniva servita spolverizzata di zucchero semolato. (altro…)

PLUMCAKE DI PANE AL TONNO E CREMA DI CIPOLLA ROSSA DOLCE

099i

Un pane che diventa quasi un piatto unico? Si si può, se lo farcisci ancor prima di cuocerlo, è di per se un piatto unico, ricco e nutriente, con prodotti genuini e della mia terra come il tonno in olio d’oliva.

Amo le ricette semplici, ma mi piace provare ad inventarne sempre una nuova, e così il classico pane con il tonno e cipolla diventa un goloso plumcake di pane semi-integrale con tonno pinna gialla e crema di cipolle rosse dolci del mio amato orticello.

(altro…)

Pane Dolce alle Prugne di Montalcino

1805A volte le cose semplici sono le più apprezzate, acqua, farina, noci pecan e Prugne Secche
In pratica un pane reso dolce dalla presenza delle prugne Secche, 100% prodotto italiano.
Una colazione sana e genuina, ottima anche con miele, burro e marmellata, basta impastare un pò di pane in più e la base è pronta per essere arricchita da ingredienti sani e genuini, come le prugne e le noci.
 
Pane Dolce alle Prugne di Montalcino
 

(altro…)

PANE FRITTO……. ALTRO CHE CENA DEI POVERI!!!!!!

Quando ti avanza del pane che fai????
pan grattato?? NO
lo butti??? NO
lo dai ai cani???? A VOLTE SI
ma in genere lo mangio io
Ecco una soluzione per poter usare il pane raffermo, questa ricetta è indicata per il pane che non si usa già da un paio di giorni, deve essere abbastanza croccante per evitare che assorba tanto olio.
questa ricetta mi ricorda l’infanzia, e quelle cene in casa con pochissime cose e taaaaanta fame.
Ingredienti:
fette di pane raffermo alte almeno un cm
Mortadella Bologna IGP
sottilette
due uova e un cucchiaio di latte
olio per frittura
Zucchero e cannella a parte
Passare le fette di pane nell’uovo sbattuto con il latte, non devono assorbire tanto liquido, basta giusto passarle e tuffarle nell’olio bollente, friggere le fette di pane fino a doratura ideale, non devono diventare troppo scure.
Appena tolte dall’olio, asciugare le fette di pane su carta assorbente, e mettere le sottilette subito, così scioglieranno un pò con il calore del pane.
Dopo qualche minutino, aggiungere anche la mortadella e un’altra fetta di pane sopra.
Per la versione golosa invece……
passare il pane subito dopo averlo asciugato nello zucchero mischiato con qualche cucchiaino di cannella.
e se sei ancora più golosa, puoi accompagnare il tutto da un topping al cacao.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

PANE CUNZATO E LE RUSTICHE CALLIPO

PANE CUNZATO

un classico della rosticceria e tradizione Siciliana, ma rivisitata in versione personale.
Quindi niente dosi ma solo ingredienti buoni e di qualità.
Un barattolo di tonno Le rustiche
Pomodori da insalata di primissima qualità
Filetti di Alici
olio evo
sale e pepe
Naturalmente un filone di pane caldo caldo appena sfornato
e tantaaaaa fame

Aprire in due il pane, versare un filo d’olio su tutta la base, poi sistemare per bene il pomodoro, deve ricoprire tutto il pane, poi sale e pepe e alla fine aggiungere i pezzetti di alici e il tonno.
Chiudere, schiacciare bene con le mani, e gustare con una bella Birra Fresca.
Buona serata a tutti voi
Un pranzo veloce e gustoso per la nostra prossima estate

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

 

PANE CROCCANTE E UOVA PICCANTI

Quando due semplici uova diventano una delizia da gustare…
Spesso abbondando le uova e di solito una volta a settimana ci facciamo una frittata o semplicemente ad occhi di bue, ma a volte sembra una cena spenta… gustosa e sana, ma ci volevo un pò di sprint, e avendo assaggiato la salsa Calvè Hot chicken non potevo non provarla sulle uova.
Ed ecco come due uova sono diventate un piatto goloso e piccante al punto giusto, naturalmente nessuno vi vieta di esagerare….

Ricetta:
4 fette di pane casereccio
2 sottilette
50 gr di prosciutto cotto
4 uova
Salsa Hot Chicken

Tostare in padella le fette di pane, mettere sopra ogni fetta mezza fetta di sottilette e un pò di prosciutto cotto, aspettare che la sottiletta si sciolga leggermente e mettete da parte in caldo.
A questo punto a parte preparare le uova occhi di bue, mettere un uovo sopra ogni fetta di pane, e aggiungere la salsa Hot Chicken, io ne ho messa anche un pò sotto tra il prosciutto e le uova.
La salsa è piccantina e gustosa e con le uova ci sta molto bene.
Questa è una cena veloce e gustosa, come io preferisco.
A volte basta veramente poco e ingredienti semplici per variare i pasti di tutti i giorni.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

PANE AL NERO DI SEPPIA CON TONNO IN AGRODOLCE

Questa volta dovevo usare lo stampo da plumcake, ma non avevo voglia di fare il classico dolce, allora pensa e pensa e pensa…. mi trovavo per le mani l’impasto della focaccia che dovevo preparare per la sera, e così fu….
Cosa posso metterci dentro????
mio marito mi suggerisce del tonno, un classico in casa nostra perchè ci piace tanto, ma era troppo semplice, ma l’impasto????
tra un consiglio e uno sguardo nella dispensa esce fuori….

PANE AL NERO DI SEPPIA CON TONNO IN AGRODOLCE

Ingredienti per l’impasto:
300 gr di semola rimacinata
150-200 gr di acqua tiepida
sale-olio qb
lievito di birra secco circa mezza bustina (anche meno) se usate quello fresco bastano 10 gr.
1 cucchiaino di nero di seppia

Ingredienti per il ripieno:
una scatoletta di tonno
1 cipolla rossa stufata leggermente e sfumata con un cucchiaio di aceto e 12 cucchiaino di zucchero
paprika piccante
Mescolare tutti gli ingredienti e il ripieno è pronto.

Impastare tutti gli ingredienti mettendo tutto nella planetaria.
Tirare fuori e stendere l’impasto e dargli qualche piega, come per la pasta sfoglia (questo passaggio non è indispensabile ma ci aiuterà nella lievitazione e morbidezza finale)
Fate come si vede in foto, basta stendere l’impasto e portare al centro un terzo della sfoglia, poi sovrapporre l’altro, e rifare per un paio di volte.

Lasciare riposare per 1 ora circa, fino al raddoppio del volume.
Stendere leggermente e versare al centro il ripieno.

Chiudere e mettere nuovamente a lievitare fino al raddoppio, circa 2 ore.
Infornare a 200° forno ventilato per 2025 minuti, regolatevi in base al vostro forno.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

PANE DOLCE ALLO YOGURT

Ogni tanto penso ai miei famosissimi kili di troppo…. e poi penso a che colazione fare domani… e poi penso… secondo penso pure troppo….
Ogni tanto mi viene voglia di creare dei dolci senza….
non ho mai pensato però di farli senza zucchero… perchè altrimenti che dolci sarebbero?
E allora data la nuova intolleranza alle uova di mio nipote, ho pensato di preparare una torta senza uova per la colazione.
Ammetto che per me la torta non è questa… ma in fin dei conti può passare benissimo per un pane dolce, e il risultato è proprio buono e leggero.
Ripeto però per me è un pane bianco dolce….

Ingredienti:

Farina 00 gr 375
zucchero gr 200
olio di semi 80 gr
yogurt 350 gr
lievito per dolci 1 bustina
aromi di rum o un bicchierino di rum scuro
sale 1 pz
una manciata di pinoli
qualche cucchiaio di marmellata di cotogne la ricetta la trovate qui
poi come tocco personale ho aggiunto fruit sensation di Ad chini
e per decorare zucchero a velo eridania.
Preparazione:
Setacciare farina e lievito, poi aggiungere lo zucchero, l’olio e lo yogurt, girare bene con la frusta, poi aggiungere il sale e l’aroma, poi ho steso l’impasto in una teglia ICONT con carta da forno bagnata e strizzata e ho messo la marmellata sopra a cucchiaini, i pinoli e i fruit sensation, si può anche fare in versione ancora più golosa con la cioccolata. L’impasto si presta a tantissime varianti… quindi la prossima per me sarà nutella e nocciole.
 Infornare in forno già caldo a 160° per 45 minuti o controllare con lo stecchino.
Sfornare, aspettare che si raffreddi e spolverizzare con zucchero a velo Eridania.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

ZUCCOTTO DI PANETTONE ALLE DUE CREME

C’è un detto che dice:
Non tutte le ciambelle nascono con il buco….
infatti anche se in ritardo devo per forza ancora postare qualche ricetta natalizia…. sperando di riuscire a finirle prima di San Valentino….
tutto inizia nel lontano 1979, nooooooo scherzo …..
Da un pò di anni mi diletto a fare, per le feste di Natale, il pandoro e il panettone…..
ma abitando da un pò in un piccolo paese a volte ho difficoltà nel reperire ingredienti ed attrezzature, poi con il bambino spesso (ragazze non fatelo mai) mando mio marito a comprare le cose che mi servono all’ultimo minuto….
Infatti il giorno prima di preparare il Panettone, mandai il mio caro maritino a comprare (all’unico store disponibile) gli stampi di cartone, sottolineando che mi servivano da 1kg…..
Quindi convinta che fossero quelli esatti, il giorno dopo preparo tutto e lascio in forno a lievitare…..
In effetti la sera stessa ho visto che lo stampo mi sembrava un pò grandino, ma per carità non potevo mai pensare che mio marito avesse sbagliato!!!!!!
MAI DUBITARE (ah…. ah…. ah….)
La mattina dopo ne ho quasi la conferma, il panettone era cresciuto benissimo, ma non aveva raggiunto il bordo…… anzi dovrebbe quasi superarlo prima di infornare…..
Quindi (sempre per avere fiducia in LUI) aspetto pensando che fosse stata una nottata fredda…..e finalmente nel primo pomeriggio inforno questi benedetti panettoni…..
e woilà…… incido, inforno, e a metà cottura……. l’angoscia, il panettone sta sprofondando…..
uffa ma che sta succedendo!!!!!
Mi è sempre venuto benissimo….. e guarda di quà e guarda di là
mi sorge un dubbio……
Ma che misura erano gli stampi???????
da 1,250 kg
e no da 1 kg
e che cavolo, ma non è difficile basta girare la confezione e leggere no?
Per me è semplice, ma evidentemente per alcuni non lo è…..
Mio marito ha detto, a me sembravano come quelli dell’anno scorso….
La risposta penso la immaginate….
non oso scriverla….
Deduzione panettoni impresentabili, ecco la dimostrazione:
Ma il problema è che non sapevo che altro fare…. o meglio avevo preparato due panettoni per il capodanno e non avevo voglia e Testa, per fare altro….. ero veramente molto stanca….
Poi ho avuto un’idea… e se ci faccio un zuccotto????
E finalmente ecco il dolce per il mio 2014
ZUCCOTTO DI PANETTONE ALLE DUE CREME

RICETTA PER IL PANETTONE
Le dosi sono per due panettoni da 1 Kg

primo impasto:
150 gr di farina 00 

90 ml di acqua
10 gr di lievito di birra

secondo impasto
500 gr di farina manitoba
150 gr di zucchero
200 ml di latte
3 uova
2 gr di lievito di birra
terzo impasto
200 gr di burro morbido
4 tuorli
300 gr di farina manitoba
3 cucchiaini di miele d’acacia
130 gr di zucchero
scorza grattugiata di 1 arancia
e di 1 limone
2 cucchiai di estratto di vaniglia
200 gr di gocce di cioccolato
5 gr di sale

primo impasto (consiglio di iniziare verso le 10:30 la mattina)
sciogliere il lievito nell’acqua tiepida,poi unire la farina e preparare un panetto coprire e lasciare lievitare x 4 ore o comunque fino al raddoppio del volume (coprite e mettetelo nel forno spento con la luce accesa)
Dopo le 4 ore…..secondo impasto ho unito lo zucchero sciolgo il lievito in 50 gr di latte unire all’impasto il latte con lievito le uova la farina manitoba e il restante latte lavorare bene l’impasto x 30 min. con la planetaria a media velocità.

 lievitare 5 ore coperto con la pellicola (fino a raddoppio del volume)
preparo il terzo impasto riprendete la pasta unire la farina i tuorli il miele lo zucchero e il sale e il burro e le scorze grattugiate e la vaniglia impastare per 15 minuti con la planetaria, aggiungere la cioccolata e la frutta candita, dare un’altra piccola impastata per unire gli ingredienti e dividete l’impasto in due stampi da 1 Kg

lasciare lievitare l’impasto tutta la notte dentro al forno spento con luce accesa La mattina dopo che ha lievitato 10 ore (deve raggiungere il bordo)incido la superficie dei panettoni con un taglio a croce.inforno a 160° x 35 min. con forno ventilato Fate sempre la prova stecchino, ma solo quando siete alla fine della cottura.Se vedete che si stà colorando un pò troppo coprite con carta stagnola e continuate a cuocere.
Lo so il post è un pò lungo ma ne vale la pena……il panettone è troppo buono.

RICETTA PER LE CREME:crema alla vaniglia:
latte 500 ml
zucchero 120 gr
farina 00 70 gr (in sostituzione si può usare l’amido di mais)
4 tuorli
una bacca di vaniglia

Sbattere i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina e il latte (che è stato fatto bollire con la vaniglia e filtrato) mettere sul fuoco ad addensare girando spesso per evitare i grumi, non fatela cuocere troppo, appena si addensa è pronta. coprire con pellicola a contatto

Per la crema al cioccolato:
latte 300 ml
acqua 300 ml
zucchero 100 gr
farina 00 40 gr (in sostituzione si può usare l’amido di mais)
4 tuorli
100 gr di cioccolato fondente
Sbattere i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina, il latte e l’acqua, mettere sul fuoco ad addensare girando spesso per evitare i grumi, non fatela cuocere troppo, appena si addensa spegnere il fuoco e aggiungere il cioccolato fondente, coprire con pellicola a contatto.

Quando abbiamo tutto pronto e freddo, iniziamo a formare lo Zuccotto:
Foderare una ciotola, delle dimensioni desiderate, con pellicola trasparente.
Rivestire la ciotola con le fette di panettone, inzuppare con ALKERMES PALLINI, versare metà crema alla vaniglia, mettere altre fette di panettone inzuppato di ALKERMES PALLINI, versare metà di crema al cioccolato, e così via fino a fare l’ultimo strato con le fette di panettone (consiglio di tagliare le ultime fette un pò più spesse dato che lo zuccotto verrà capovolto) e inzuppare leggermente.
Mettere tutto in frigo per una notte (deve rassodare bene)
Capovolgere e rivestire con panna montata.
Decorazioni fatte con pasta di zucchero Kelmy
Scusate la lunghezza, ma le ricette sono tante……

primo impasto (consiglio di iniziare verso le 10:30 la mattina)
sciogliere il lievito nell’acqua tiepida,poi unire la farina
e preparare un panetto 
coprire e lasciare lievitare x 4 ore o comunque fino al raddoppio del volume (coprite e mettetelo nel forno spento con la luce accesa)
Dopo le 4 ore…..secondo impasto ho unito lo zucchero
sciolgo il lievito in 50 gr di latte
unire all’impasto il latte con lievito le uova la farina manitoba e il restante latte
lavorare bene l’impasto x 30 min. con la planetaria a media velocità.
 lievitare 5 ore coperto con la pellicola (fino a raddoppio del volume)
preparo il terzo impasto
riprendete la pasta unire la farina i tuorli il miele
lo zucchero e il sale e il burro e le scorze grattugiate
e la vaniglia
impastare per 15 minuti con la planetaria, aggiungere la cioccolata e la frutta candita, dare un’altra piccola impastata per unire gli ingredienti e dividete l’impasto in due stampi da 1 Kg
lasciare lievitare l’impasto tutta la notte dentro al forno spento con luce accesa
La mattina dopo che ha lievitato 10 ore (deve raggiungere il bordo)
incido la superficie dei panettoni con un taglio a croce.inforno a 160° x 35 min. con forno ventilatoFate sempre la prova stecchino, ma solo quando siete alla fine della cottura.
Se vedete che si stà colorando un pò troppo coprite con carta stagnola e continuate a cuocere.
Lo so il post è un pò lungo ma ne vale la pena……
il panettone è troppo buono.
RICETTA PER LE CREME:
crema alla vaniglia:
latte 500 ml
zucchero 120 gr
farina 00 70 gr (in sostituzione si può usare l’amido di mais)
4 tuorli
una bacca di vaniglia 


Sbattere i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina e il latte (che è stato fatto bollire con la vaniglia e filtrato) mettere sul fuoco ad addensare girando spesso per evitare i grumi, non fatela cuocere troppo, appena si addensa è pronta. coprire con pellicola a contatto

Per la crema al cioccolato:
latte 300 ml
acqua 300 ml
zucchero 100 gr
farina 00 40 gr (in sostituzione si può usare l’amido di mais)
4 tuorli
100 gr di cioccolato fondente
Sbattere i tuorli con lo zucchero, aggiungere la farina, il latte e l’acqua, mettere sul fuoco ad addensare girando spesso per evitare i grumi, non fatela cuocere troppo, appena si addensa spegnere il fuoco e aggiungere il cioccolato fondente, coprire con pellicola a contatto.
Quando abbiamo tutto pronto e freddo, iniziamo a formare lo Zuccotto:
Foderare una ciotola, delle dimensioni desiderate, con pellicola trasparente.
Rivestire la ciotola con le fette di panettone, inzuppare con ALKERMES, versare metà crema alla vaniglia, mettere altre fette di panettone inzuppato di ALKERMES, versare metà di crema al cioccolato, e così via fino a fare l’ultimo strato con le fette di panettone (consiglio di tagliare le ultime fette un pò più spesse dato che lo zuccotto verrà capovolto) e inzuppare leggermente.
Mettere tutto in frigo per una notte (deve rassodare bene)
Capovolgere e rivestire con panna montata.
Decorazioni fatte con pasta di zucchero 
Scusate la lunghezza, ma le ricette sono tante……

Oppure quello che vi piace di più l’importante che il peso sia sempre 200 gr (io ne ho fatto uno con 100 gr di cioccolato e 100 gr di arancia candita, e un’altro con 100 gr di frutta candita mista e 100 gr di uva passa)

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

 

PANE IN CASSETTA SFOGLIATO ALLA MOSTARDA

Tutti i fine settimana in casa non deve mancare pizza o focaccia….
Ma l’altra sera mi è avanzato un pò d’impasto di focaccia e non sapendo cosa poterci fare ho pensato al pane in cassetta…..

E poi la Mostarda…..
ed ecco il pane sfogliato alla mostarda…

Ingredienti per il pane in cassetta:
400 gr di farina di grano tipo 1 MOLINO RONCI
100 gr di farina integrale MOLINO RONCI 
300 gr di acqua tiepida
5 gr di lievito di birra
sale qb
olio 2 cucchiai
Per la sfogliatura:
MOSTARDA LAZZARIS  ho usato il fico e aiutandomi con un pò di sciroppo che c’è nel vasetto e un filo di olio ho frullato il tutto fino a renderlo una crema spalmabile…..

semi di

sesamo a piacere

Procedimento:
Impastare gli ingredienti per il pane con la planetaria, io lo faccio la sera e metto l’impasto in frigo.
Il giorno dopo messo fuori l’impasto verso le 15 del pomeriggio, gli dò una impastata a mano e lo metto nel forno tiepido con la luce accesa.
Quando lievita di nuovo, prendere il pane stenderlo con il mattarello

Spalmare la crema di mostarda e arrotolare come vedete in foto…
Adagiare il pane nello stampo da plumcake, spennellare con un pò di uovo sbattuto con un goccino di latte 
 e semi di sesamo.
Lasciar lievitare di nuovo e infornare a 220° per 1520 minuti.
Se non vi fidate del vostro forno potete fare la prova stecchino.

PESTO TRAPANESE

ricette (52)
Oggi ho raccolto un po’ di pomodorini dal mio orticello e avendo sempre del basilico a disposizione, ho fatto il pesto trapanese.
Per la ricetta:
pomodorini preferibilmente senza pelle (io li trito con tutta la buccia)
qualche foglia di basilico
mandorle tostate leggermente
aglio
sale poco
olio evo
formaggio grattugiato (c’è chi usa il pecorino ma a noi non piace e uso il grana)
Tritare o pestare (sarebbe meglio) tutto e il piatto è pronto, naturalmente assaggiare (senza passarlo sul pane peròòòòòòò) e regolate i sapori, si deve sentire bene l’aglio ma anche tutti gli altri ingredienti.
Io non riesco ad usare la bilancia quando preparo il pesto anche per quello genovese, vado sempre ad occhio e assaggio, basta fare un po’ di pratica per capire le proporzioni.
Le dosi per queste ricette secondo me non sono indicate, perchè il sapore è dato sopratutto dalla qualità degli ingredienti, quindi un basilico poco profumato non si sentirebbe se usassimo il peso.
Questo però è un mio parere e quindi io lo faccio così e voi la scelta.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

LE PANELLE SICILIANE O FRITTELLE DI CECI

le panelle siciliane

LE PANELLE SICILIANE O FRITTELLE DI CECI

Qualche sabato scorso ho fatto le panelle siciliane
Che sono?????
Sono delle “frittelle di ceci”
Sono semplici da fare la cosa più importante e capire bene la cottura, perchè se cuoci poco in frittura si sfaldano, quindi meglio aspettare qualche minuti in più e acquistare un paio di mariti per farsi aiutare a girare e girare e girare e gir ……….
finchè morte non vi separi.
Sì, può anche capitare che qualche marito non riesca a superare la notte, per questo consiglio di prenderne almeno un paio…..

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

(altro…)

FOCACCINE DI FARRO RICETTA SEMPLICISSIMA

FOCACCINE DI FARRO RICETTA SEMPLICISSIMA, un’idea facile per un aperitivo, party o come me, per la merenda da portare a scuola. Sono ottime per la congelazione, ed essendo pezzi piccolissimi, scongelano in un’ora, li tiro fuori appena svegli, e sono già pronti per lo zainetto appena prima di uscire.

FOCACCINE DI FARRO RICETTA SEMPLICISSIMA (altro…)

1 2 3 5