PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA

La PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA è una preparazione di base per crostate, biscotti e tanto altro, da tanto tempo si trova in giro una selezione di farine di semola adatte anche a dolci, tra queste ne ho acquistata una che (consigliata dal maestro pasticcere Luca Montersino) serve proprio per la pasta frolla, ho semplicemente sostituito questa farina nella mia ricetta classica di frolla, ottima per tutti gli usi.

PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA

In giro troverete tantissime tipologie di pasta frolla, e in effetti ne servono di diverse consistenze, in base al prodotto finale che dobbiamo ottenere, esistono preparazioni morbide come la famosa frolla montata, ottima per i classici biscotti al burro tipo danesi, in questa preparazione la percentuale di liquidi è superiore ed infatti la frolla bisognerà usarla nella sac à poche, ma io adoro la classica frolla che si stende con il mattarello, morbida al tatto ma soda il giusto per creare tante nuove crostate e biscottini.

Questa PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA che vi passo adesso è una ricetta base, puoi modificarla come più ti piace, cercando però di equilibrare la consistenza, diciamo che per i miei gusti così com’è è perfetta, faccio spesso la classica crostata con marmellata e con il resto tiro fuori tanti bei biscottini, che nei prossimi post vi farò vedere.

La ricetta della PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA è la seguente, se la replicate e non vi trovate in casa la farina di semola per frolla, potete sostituirla con la classica farina di grano tenero 00.

Ingredienti:

  • 500 gr di farina per crostate o frolla (oppure farina 00)
  • 300 gr di burro a pomata
  • 190 gr di zucchero a velo
  • 60 gr di farina di mandorle finissima
  • 120 gr di uova (poco più di due uova)
  • i semi di mezza bacca di vaniglia
  • un pizzico di sale

Questi sono gli ingredienti base per una PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA fina al palato che si scioglie in bocca, con un sapore di burro che nessun prodotto confezionato riesce a darvi.

Adesso potete variare tranquillamente la vostra ricetta, vi do solo alcuni consigli su come fare per evitare brutte sorprese e non riuscite ad ottenere una PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA

 

Farina di mandorle: puoi non metterla, ne risentirà un pochino il sapore e la consistenza, la farina di mandorle oltre al sapore rende un pochino più friabile la frolla, accentua quel classico “si scioglie in bocca”, se non la vuoi aggiungere al composto, puoi sostituire lo stesso peso con la farina che userai (semola o 00)

Zucchero a velo: direi, per esperienza personale di non sostituirlo, piuttosto in mancanza frullate lo zucchero semolato e cercate di renderlo il più fine possibile, in pratica sostituendo lo zucchero a velo, in pari peso si rischia di sbilanciare la ricetta, lo zucchero semolato ha una grana completamente diversa ed un potere di assorbe i liquidi inferiore allo zucchero a velo, quindi meglio non rischiare, potreste trovarvi un impasto completamente diverso, da quello che desideriamo.

Burro a pomata: per ottenere questa consistenza bisogna tenere il burro a temperatura ambiente almeno per un paio di ore, ma se ce ne siamo dimenticati? ho un trucchetto anche per questo, una bella grattugia, magari con i fori grandi, grattugiate il burro freddo, e si ammorbidisce quasi immediatamente. Oppure per chi lo usa, (io non mi fido) basterà passare il burro qualche secondo al microonde, ma giusto qualche secondo, il burro deve essere morbido, non fuso. Si dovrà poter spalmare facilmente. Uno dei burri migliori per la pasticceria è il burro bavarese (io lo compro sempre al lidl). Puoi sostituire l’olio di semi al burro, ma in quantità inferiori (su 100 gr di burro mettiamo 80 gr di olio e 20 gr di altri liquidi presenti nella ricetta, in questo caso le uova)

Uova: consiglio vivamente di pesarle, aprite le uova e versate il contenuto in una ciotola, pesate e assicuratevi che sia il peso esatto, come per tutti gli altri ingredienti, se dovete aggiungere o eliminarne una parte, basterà sbatterle leggermente e togliere il peso che non ci serve o viceversa.

Farina: ho sempre usato la classica farina 00, ma da poco tempo ho scoperto queste selezioni di farine di grano duro anche per i dolci, una nota in più nel sapore e nel colore, nessuna differenza invece nella consistenza della frolla, insomma ci si guadagna solamente, la consiglio a tutti.

Aromi: meglio se naturali, non abbiamo la vaniglia? fa niente, una grattatina di limone, arancia, mandarino, o anche niente, sempre meglio di tanti aromi artificiali. Se vuoi farti una bella scorta di aromi naturali a costo zero e fatti con le tua mani, leggi questo mio post

Adesso passiamo alle modalità di impasto, della PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA, io uso da tanto tempo la planetaria, un pratico amico in cucina, ma lo stesso impasto si può fare tranquillamente a mano.

Se volete ricevere gratuitamente le mie ricette e restare sempre aggiornati cliccate QUI e inserite la vostra email

Vi invito inoltre a diventare fan di cucinare insieme a te, clicca MI PIACE e se ti va di chiacchierare entra nel gruppo Cuochi per caso

PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA

Impasto in planetaria per PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA

Nella ciotola versiamo il burro e lo zucchero, montiamo il gancio K o foglia e amalgamiamo bene, aggiungiamo gli aromi, e le uova, adesso il composto cambierà aspetto, prima era molto cremoso, e dopo l’inserimento delle uova diventerà grumoso, è normalissimo, il burro cambia temperatura e si solidifica leggermente, basterà mescolare per un paio di minuti e tornerà una crema soffice, adesso bisognerà aggiungere il sale e la farina, tutta insieme, qualche altro giro di macchina a bassa velocità e la frolla è pronta. Non impastiamo troppo la frolla, altrimenti non la recuperiamo più, tenderà a sbriciolarsi nelle mani e non riusciremo più a stenderla. Il composto si dovrà presentare piuttosto asciutto e grumoso, togliete l’impasto dalla planetaria, pulite il gancio e su un piano leggermente infarinato, lavorate la frolla giusto il tempo per amalgamare bene, schiacciamo e copriamo con pellicola. Riponiamo il panetto di PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA in frigo per almeno un paio di ore, io la faccio la sera e la lascio in frigo per la notte. Il giorno dopo tirate la frolla dal frigo, tagliate il pezzo che vi servirà e iniziate a lavorarla con le mani, inizialmente sarà durissima, ma con il calore delle mani tornerà morbida ed elastica, a questo punto non ci resta che utilizzarla per la nostra crostata o i biscottini.

Per una classica crostata basterà stenderla con il mattarello e rivestire una tortiera imburrata, versare la marmellata e con gli avanzi creare la classica griglia, infornare a 180° forno ventilato per almeno 25 minuti (tempo indicativo, cambierà in base allo spessore della frolla e alla funzionalità del vostro forno), possiamo cuocere la frolla anche in bianco, senza nessun ripieno, basterà mettere un foglio di carta da forno sopra e una teglia di dimensioni più piccole. oppure in mancanza dei fagioli secchi (riutilizzate sempre gli stessi per evitare sprechi inutili)

062

Impasto a mano per  PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA

Nella tavola di legno mettiamo tutta la farina e creiamo la classica fontana, al centro mettiamo lo zucchero e le uova, quando saranno bene amalgamati mettiamo il burro, impastiamo solo questi ingredienti, aggiungiamo gli aromi e il sale, e poi sfregandoci le mani prendiamo anche la farina, otteniamo un composto bricioloso, cerchiamo di impastare il meno possibile, raccogliamo tutto l’impasto aiutandosi con un tarocco e avvolgiamo con pellicola, ponendo il tutto in frigo. Procediamo come sopra ed utilizziamo l’impasto come più ci piace.

Spero di esservi stata utile, questa è la mia esperienza, per la PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA, sicuramente incompleta, ma che con molta umiltà vi metto a disposizione, non sono pasticcera (mi sarebbe piaciuto) ma a furia di provare, tentare, creare e a volte buttare, sono arrivata a questo risultato, una ricetta base ottima per tanti usi, con le uova intere (per evitare sprechi) e con un sapore equilibrato, sempre per i miei gusti, sperando che i vostri siano molto simili ai miei, non vi resta che provare a replicare questa ricetta di PASTA FROLLA CON FARINA DI SEMOLA RIMACINATA

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *




*